Dopo 7 giorni di coma la bimba ha aperto gli occhi questa mattina. Emozione e lacrime per i genitori e i medici all’ospedale Santobono di Napoli, dove la piccola si trova ricoverata in seguito all’agguato di camorra del 3 maggio scorso.


In una nota diramata poco fa all’ospedale viene riferito che: “Da questa mattinata la piccola è stata portata a uno stato di sedazione non profonda e attualmente evidenzia una valida respirazione spontanea, supportata da ossigeno ad alti flussi, senza necessità di ventilazione meccanica”. Nella giornata di ieri “la bambina è stata sottoposta a broncoscopia sia a destra che a sinistra, così da permettere di liberare i bronchi da muchi e coaguli”. La prognosi rimane riservata. Il risveglio di Noemi è avvenuto proprio nel giorno in cui le forze dell’ordine hanno fermato due persone: il presunto killer che ha sparato alla bimba e suo fratello.