Rappresenta il perfetto connubio tra Napoli e il Cilento l’appuntamento con la “Notte della tammorra”, festa popolare tipica del salernitano. L’iniziativa si terrà nella suggestiva cornice della rotonda Diaz, sul mare, nella serata di Ferragosto, e vedrà la partecipazione del Dipartimento di Musica Popolare di Vallo della Lucania. Per una notte il capoluogo campano si accenderà con le zampogne del Cilento, la tarantella montemaranese, la tammurriata dell’agro nocerino-sarnese e quella vesuviana, i tamburi della Madonna Avvocata alle fronne e canti ‘a figliola e tanto altro ancora per un evento folkloristico all’insegna della tradizione ma anche dell’innovazione. Insieme al curatore della manifestazione Carlo Faiello, prenderanno parte alla serata di balli e musiche anche la band dei Folk Neapolis di Mimmo Maglionico. Sul palco, in successione cantanti, musicisti, artisti, paranze, corali. Il risultato sarà un flusso sonoro che si tenderà tra gli archetipi tradizionali e le sperimentazioni più moderne.

Ad inaugurare la serata alle 21, l’immancabile ‘canto ‘a figliola’ dedicato alla Madonna eseguito da una coppia di maestri cantatori della tradizione: Vincenzo Rea detto ‘Tarantella’ e Masino Tirozzi detto ”o figlio d”o zi’ padrone’. A seguire, la classica Tammurriata di accoglienza con la tammorra di Raffaele Inserra e le voci di due giovani e prestigiosi esponenti del canto etnico come Gianfranco Ricco detto ‘Antichità’ e Catello Gargiulo. A dare il via alle danze sarà, come di consueto, uno storico esponente della musica popolare campana, Marcello Colasurdo, voce vesuviana e presenza fedele della manifestazione.

La grande novità della Notte della Tammorra 2019 è la presenza di Peppe Barra. Il celebre artista partenopeo si esibirà per la prima volta sul palco della manifestazione insieme alla sua band formata da Paolo Del Vecchio alla chitarra, Ivan Lacagnina alla batteria, Giorgio Mellone al violoncello, Sasà Pelosi al basso e Luca Urciolo alla fisarmonica.

Carlo Faiello e la sua Banda Dionisiaca poi accoglieranno sul palco Giovanni Mauriello (con il figlio Matteo e la cantante Marianita Carfora), voce storica e co-fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare; Nello Daniele e Maurizio Capone presenze artistiche ‘diversamente folk’; inoltre, alcune tra le più belle voci napoletane come Fiorenza Calogero e Patrizia Spinosi e Marcello Vitale alla chitarra battente.

Faiello darà spazio anche alla ricerca etnomusicologica di Andrea Nerone (già Musica Nova) tra la piana del Volturno e quella del Garigliano; ai canti del Cilento con Paola Salurso e alla musica del sud Italia con Rosalba Santoro cantante di Santeramo in Colle, paese al confine tra Puglia, Calabria e Basilicata. Si esibiranno nelle danze: Erminia Parisi, Emilia Meoli e Enzo Esposito detto Tammurrièllo.

Tante le iniziative collaterali come lo stage di danze popolari i cui partecipanti saranno invitati al ballo notturno. Per chi volesse aspettare l’alba magica del 16 agosto, gran finale di balli sul tamburo da parte di paranze spontanee.  

Informazioni sulla Notte della Tammorra 2019
Dove: alla Rotonda Diaz di Napoli
Quando: il 15 agosto 2019
Orario: dalle 19 a mezzanotte e mezzo
Prezzo: ingresso libero
Per info sulla Notte della Tammorra 2019 consultare la pagina Facebook dell’evento