E’ stato formalizzato ieri il passaggio alla Guardia di Finanza della Caserma Cavalleri, alla presenza dei rappresentanti del Comune di Napoli, dei sindaci di San Giorgio a Cremano e Portici. Con la consegna, si legge in una nota, “si darà attuazione all’importante piano di razionalizzazione coordinato dall’Agenzia del Demanio volto a creare un polo operativo ed alloggiativo per i Comandi/Reparti presenti nel territorio della città metropolitana di Napoli conseguendo un più completo ed organico soddisfacimento dei propri fabbisogni allocativi ed un risparmio di spesa per canoni derivanti dalla cessazione dell’utilizzo di immobili di aliena proprietà pari a circa 1.400.000 euro annuali“.

Già sede della Divisione Acqui del Comando delle Forze Operative Sud dell’Esercito italiano, la Caserma si articola in diversi corpi di fabbrica per un volume lordo complessivo di circa 250mila metri cubi ed una superficie coperta utile di 114mila metri quadri. A completare la dimora 103mila metri quadri circa di aree esterne destinate a viali, piazzali, aiuole e spazi con attrezzature sportive per circa 7.700 m2. “L’iniziativa prevede un significativo investimento per la realizzazione di interventi di ristrutturazione e di rifunzionalizzazione al termine dei quali i Reparti territoriali ivi allocati potranno svolgere con maggiore efficacia la loro mission istituzionale, in un’area fortemente gravata dalla presenza della criminalità organizzata, operando sempre in prima linea per il contrasto dei traffici illeciti e la tutela dei cittadini onesti e dell’impresa regolare” ha commentato il generale della Guardia di Finanza Virgilio Pomponi, comandante regionale Campania. Alla cerimonia di ieri insieme con il generale Pomponi, hanno preso parte il Sindaco Giorgio Zinno, l’ingegnere Paolo Maranca, direttore Regionale della Campania per l’Agenzia del Demanio e il generale di Divisione Roberto Angius, vice comandante del Comando Forze Operative Sud dell’Esercito Italiano.