Napoli in Treatment: la conclusione della prima psico-terapia di Napoli

Oltre trecento persone alle catacombe e alla basilica di San Gennaro Extra Moenia alla Sanità per #Sognalacittà, l’appuntamento organizzato sabato 17 ottobre 2015 da Napoli in Treatment in collaborazione con la cooperativa sociale “La Paranza Onlus”, l’etichetta discografica “Apogeo Records” e Mp Communication per festeggiare la conclusione della prima stagione dell’originale psico-fiction che ha messo in psicoterapia di gruppo l’intera città. All’evento hanno partecipato tutti i protagonisti della serie, i 25 “pazienti” delle venti puntate/sedute, interpreti delle risorse positive di Partenope (voce, Rosaria De Cicco) che hanno aiutato il dottor Cimone (l’attore Francesco Mastandrea) a narrare in maniera più complessa e integra l’identità di Napoli, generalmente tesa tra gli stereotipi da cartolina e “monnezza”.

NAPOLI IN TREATMENT de magistris

Presenti, tra gli altri, i registi della serie Pierfrancesco e Angelo Borruto, parte dello staff del NIT, come l’ideatrice Roberta De Martino e le responsabili della comunicazione Stefania Cangiano, Serena Ripa, Adele Brunetti e il grafico Carlo Manna. E ancora, Luciano Colella, direttore di Videometro News Network, l’assessore comunale ai Giovani Alessandra Clemente e un paziente speciale: il sindaco Luigi De Magistris, al quale Napoli in Treatment ha dedicato una approfondita “seduta-video”.

NAPOLI IN TREATMENT de magistris

Un successo tra riflessioni e performance teatrali e la firma di un patto che nei prossimi mesi coinvolgerà tutti i pazienti in diverse attività per promuovere il benessere della città. In chiusura il travolgente concerto del Coro Giovanile del Teatro San Carlo, diretto dal maestro Carlo Morelli, il buffet offerto da Leopoldo e il taglio della torta realizzata da “Arcobaleno dei sapori” in attesa della seconda stagione.