Uno scoppiettante e brillante Napoli liquida la pratica Fiorentina superando i viola in classifica. Apre le marcature il belga Mertens con uno dei suoi gol, poi ad Higuain misteriosamente non viene convalidato un gol solare(giudice di porta ad un metro, palla entrata abbondantemente!). Nella ripresa gli azzurri trovano il raddoppio grazie ad Hamsik entrato alcuni minuti prima e realizzano sul finire di gara il 3-0 con Callejon che finalmente si sblocca. Al San Paolo è spettacolo!

ANDUJAR 5,5: pronto su alcune uscite fuori area, compie una sola grande parata ma a gioco fermo. Nel finale però rischia di rimettere in gara la Fiorentina con un appoggio tenero che per sua fortuna Borja Valero non sfrutta.

MAGGIO 6: dal punto di vista fisico vive un momento di strapotere straordinario, peccato per i tanti e risaputi errori sotto il profilo squisitamente tecnico. Nel finale gli viene negato un rigore.

ALBIOL 6,5: bella prova dello spagnolo che costringe gli avanti viola a girare costantemente al largo.

KOULIBALY 6,5: il gigante francese si “mangia”l’avversario di turno e chiude tutti i varchi con interventi precisi e puntuali.

STRINIC 6,5: il croato se sta bene è di un altro pianeta rispetto a Ghoulam; fisico, posizione, esperienza e personalità. Perché no, anche un piede molto educato come si evidenzia nel primo tempo a supporto degli attaccanti azzurri. Sicurezza.

GARGANO 7,5: straordinaria gara del “Mota” azzurro che annulla Salah, autentico spauracchio delle difese avversarie, sradicandogli decine di palloni dai piedi. Bravo anche su Valero, chilometri e chilometri con grande cuore e lucidità.

DAVID LOPEZ 6: buona anche la prova dello spagnolo che spezza il gioco con puntualità e pulizia. I piedi però sono quelli che sono e molti appoggi risultano fuori misura.

CALLEJON 7: splendida notizia per il Napoli che per questo finale di stagione ritrova il vero cecchino spagnolo; nel vivo del gioco, regala un assist d’oro ad Hamsik e sigla il 3-0 finale a suo modo con un gol di destro al volo. Bentornato!

GABBIADINI 6:non è brillantissimo ma si batte per risultare decisivo. Vicino al gol con un bel sinistro a giro. Al suo posto HAMSIK 7 , che entra e pochi minuti dopo con un inserimento da manuale chiude l’incontro. Regala alla squadra una fluidità di gioco nel reparto offensivo che era sparita da diverse settimane. Grande Capitano!

MERTENS 7,5: è lui che spacca l’incontro con il suo solito destro secco a giro imbeccato da Higuain, ed è lui che costantemente manda in tilt la difesa avversaria. Si fa apprezzare anche per la lodevole costanza ed efficacia nei continui ripiegamenti difensivi. Al suo posto ZUNIGA s. v. che rappresenta un’altra bella notizia per i tifosi azzurri, gioca poco più di 10 minuti ma sembra avere già una buona condizione dopo tantissimi mesi di assenza forzata. Ti aspettavamo Camilo!

HIGUAIN 6:meriterebbe un voto ben più alto per lo spirito che ha messo nella gara, trascinando praticamente i compagni di squadra in tanti momenti della gara. E’ lui a dare il pallone del vantaggio a Mertens e poco dopo a schiantare la porta di Neto con un destro dalla distanza. Il pallone entra ma l’assistente di porta, presenza di una inutilità inenarrabile, non se la sente di proferir parola e lascia giocare. Si innervosisce e fallisce un gol clamoroso nella ripresa non approfittando di un liscio di Savic. Deve protestare di meno e segnare di più. Capito, Pipita? Al suo posto INSIGNE 7, che gioca i minuti finali ma lo fa con una classe immensa, regalando giocate spettacolari con una semplicità disarmante. E’ mancato molto a Callejon e si vede quando lo scugnizzo napoletano manda in porta lo spagnolo con un assist che la stragrande maggioranza dei calciatori non pensa nemmeno nei sogni. Sublime.

BENITEZ 6,5: speriamo si sia fatto quadrato attorno a questo brutto momento; la formazione gioca una gara attenta, disciplinata e in fase offensiva per certi tratti spumeggiante. Questa è la formazione di Don Rafè, il tempo ed i punti a disposizione permettono di pensare in positivo. E poi c’è il pensiero a Varsavia…