Sabato di Pasqua in campo per le squadre di Serie A; per il Napoli un impegno sulla carta agevole, c’è da affrontare il Crotone di Cosmi ultimo in classifica. I calabresi sembrano spacciati ma è naturale che queste prossime gare saranno affrontate con il coltello fra i denti con la consapevolezza che non c’è più tempo per l’impresa se si continua a perdere. Ma il Napoli è di un’altra categoria, ha cambiato decisamente passo nelle ultime settimane e anche l’ambiente è assolutamente rasserenato rispetto ai burrascosi mesi precedenti. Lo stop per le nazionali ha tuttavia creato un po’ di apprensione in quasi tutte le squadre di club a causa delle tante positività in giro per l’Europa: anche l’Italia di Mancini ha vissuto le proprie ansie che indirettamente hanno spaventato e tenuto col fiato sospeso i napoletani Insigne e Di Lorenzo. Quello che però ha trascorso giorni difficili è Zielinski, il polacco addirittura in un primo momento è risultato essere positivo al test (lui che ha già avuto il Covid) ma successivi esami hanno escluso la spiacevole evenienza; Piotr è a disposizione ma senza aver potuto sostenere alcun allenamento.
Gattuso cercherà sicuramente di centellinare le forze in maniera equilibrata in vista del match fondamentale di mercoledì prossimo (finalmente si recupera la gara con la Juventus!); proprio il polacco sarà risparmiato per la sfida di Torino. Una rotazione che prevede un minutaggio ridotto anche per Lozano che inizialmente si accomoderà in panca per poi subentrare nella ripresa. La formazione che scenderà in campo contro il Crotone non dovrebbe presentare novità: Meret in porta (nessun dubbio vista l’indisponibilità di Ospina), Di Lorenzo e Hysay sulle fasce e coppia centrale difensiva composta da Maksimovic e Manolas. In mezzo al campo si ricomporrà la coppia Fabian RuizBakayoko (si tenta di recuperare Demme per la sfida ai bianconeri) mentre in avanti Insigne e Politano sono sicuri di giocare; con la rinuncia a Zielinski è prontissimo Elmas, protagonista con la sua nazionale, ma si fa largo l’ipotesi di un ritorno all’antico con Mertens ed Osimhen in campo insieme. Al di là comunque di quelle che saranno le scelte sarebbe un suicidio fallire questa occasione di rilancio; per di più la compagine partenopea avrebbe anche già dovuto imparare la lezione (leggi partite con Spezia e Torino su tutte).
Anche il gruppo di Cosmi ha vissuto le proprie ansie legate ai casi di Covid ed infatti il terzino Reca è stato esentato dagli allenamenti per precauzione e non farà parte dell’incontro (piccolo focolaio nella nazionale polacca); anche gli ex Luperto ed Ounas hanno alcuni problemi fisici ma sono stati convocati e non è escluso un loro impiego nello stadio Maradona. Gran parte delle speranze dei crotonesi sono riposte nella straordinaria vena del gigante Simy anche se le preghiere di Cosmi sono rivolte affinché il Napoli non faccia il Napoli, parliamoci chiaro…
Si gioca alle 15, arbitra il signor Di Martino della sezione di Teramo, soltanto sei volte chiamato a dirigere in Serie A e con nessun precedente con gli azzurri.