E record fu: il Napoli inanella la nona vittoria consecutiva in campionato (ultime 5 del torneo scorso), un primato per la società partenopea. Troppo Napoli per un Benevento che si arrende già dopo due minuti colpita mortalmente dall’incontenibile Allan. Primo tempo che si chiude 4-0 per gli altri gol di Insigne, Mertens e Callejon. Nella ripresa la formazione di Sarri controlla e va a segno in altre due occasioni sempre con Mertens e sempre su rigore. Napoli a punteggio pieno: 15 gol fatti e 2 subiti!

REINA S.V. da questo pomeriggio ne trae beneficio la sua tintarella. Spettatore.

HYSAJ 6,5: dimentica gli affanni delle ultime uscite e si regala una partita impeccabile; sottolineato dal pubblico un suo recupero in diagonale a velocità supersonica.

ALBIOL 6: per lo spagnolo un pomeriggio tranquillo.

KOULIBALY 6,5: viene puntato in un paio di circostanze ma gli attaccanti sanniti comprendono che non c’è trippa… Visto il poco lavoro in retroguardia si diletta a collaborare con il resto della squadra al prolungato giro palla dei suoi.

GHOULAM 7,5: valore aggiunto di un Napoli a trazione anteriore.  È il padrone indiscusso della fascia sinistra dove trova, tra le altre cose, due assist vincenti (Insigne e Callejon ringraziano). Per poco non fa gol direttamente da corner!

ALLAN 7,5: risultava palesemente il più in forma dei suoi in questo avvio di stagione. Con il Benevento non fa altro che ribadire questo concetto in maniera straordinaria: pronti via segna il vantaggio dopo aver iniziato l’azione e lo trovi a mordere qualsiasi avversario recuperando nella stragrande maggioranza dei casi il possesso palla. Spettacolo di agonismo. Al suo posto entra ROG 6 che piace per come entra immediatamente in gara. Corre, rincorre e si fa apprezzare, sempre.

JORGINHO 6: è la bilancia della squadra, l’equilibratore. Contro il Benevento si limita a dettare i tempi senza strafare. Per due volte si avvicina per calciare il penalty (sembrava essere diventato il rigorista) ma Mertens proprio non ne vuole sapere…

HAMSIK 6,5: partita facile che gli consente di ritrovare quella sicurezza e quella convinzione di cui ha bisogno. Ci prova con un destro a giro da fuori e con un colpo di testa in tuffo ma Belec non si commuove… Gioca per 90 minuti cercando sempre il vivo del gioco.

CALLEJON 6,5: puntuale nel battere a rete sul bel suggerimento di Ghoulam (4-0).  Per il resto si diverte a duettare con i compagni di squadra senza infierire più di tanto sugli inermi avversari. Al suo posto il tanto atteso esordio di OUNAS 6 che lascia intravedere le sue sopraffine qualità tecniche. All’ultimo respiro si guadagna il rigore del definitivo 6-0.

MERTENS 7,5: un suo tiro respinto consente ad Allan di sbloccarla subito. Poi si mette in proprio con un tocco in acrobazia su assist di Lorenzo. Non ha l’argento vivo come al solito ma la cattiveria giusta dagli 11 metri che gli consentono di battere per altre due volte Belec (non curante di Jorginho e del pubblico che invocava il capitano alla battuta). Porta il pallone a casa e sono 5 gol in 4 partite di Serie A!

INSIGNE 7,5: si pensava ad un riposo per il Magnifico, lui risponde da par suo. Gol da antologia e assist al bacio per Mertens. Il resto è un continuo dialogare con i compagni alla ricerca della giocata: si diverte lui, la squadra ed il pubblico. Poi Sarri lo richiama e fa entrare GIACCHERINI 6 che non ci convince più di tanto, i ritmi della squadra sono altri onestamente. Ma è volenteroso e si guadagna pure un rigore.