Il Napoli piega l’Atalanta di misura e mantiene due punti di vantaggio nei confronti della Roma a due giornate dal termine; il risultato però non rispecchia l’andamento della gara, con gli azzurri che, soprattutto nella ripresa, sprecano un ‘infinita di palle gol. Portano la firma di Higuain le due realizzazioni partenopee mentre nel finale a regalare brividi alla contesa ci pensa una sfortunata autorete di Albiol. Per i ragazzi di Sarri ancora due ostacoli prima di poter festeggiare un secondo posto che sembra davvero il minimo dopo una stagione esaltante.

REINA 5: non tocca un pallone ma prende tanta pioggia. La rete dell’Atalanta non è direttamente attribuibile all’estremo difensore spagnolo che però negli ultimi mesi, di risultare decisivo, proprio non ne vuole sapere…

HYSAJ 6: conferma quanto di buono mostrato in stagione, pulito e sicuro.

ALBIOL 6: deve concedere qualche pallone a Borriello, bravo nel farsi rispettare in elevazione. Ma non soffre e cerca sovente di salire per cominciare l’azione. Sfortunato nella carambola che porta al gol bergamasco.

KOULIBALY 6,5: annulla gli avversari ed è autore di alcuni interventi sottolineati dagli applausi del pubblico. Deve migliorare solo sulla concentrazione per l’intero arco dell’incontro. Indubbiamente tra i migliori difensori d’Europa.

GHOULAM 5,5: prova ad accompagnare l’azione offensiva dei suoi ma non è mai pericoloso ed efficace. E dietro spesso dimentica l’avversario, menomale che c’è Kalidou…

ALLAN 6,5: presenza importante in mezzo al campo, contende tutti i palloni ai dirimpettai orobici. Pericoloso anche negli inserimenti e nelle percussioni palla al piede, va vicino al gol.

JORGINHO 6,5: non è una sorpresa, solita pulizia di gioco e tanto fosforo al servizio dei compagni. Pennella anche un paio di suggerimenti davvero apprezzabili.

HAMSIK 6: la sua posizione crea non pochi problemi all’Atalanta, sfiora il gol dopo una giocata da urlo. Ma da uno con le sue qualità tanti errori in fase di possesso proprio non riusciamo a concepirli…

CALLEJON 7: tanti chilometri macinati ma con una lucidità impressionante. Recupera spesso in ripiegamenti da applausi e per non farsi mancare nulla serve un assist al bacio per il raddoppio di Gonzalo. Al suo posto EL KADDOURI s.v. ma si capisce che con qualche minuto in più nella gara sarebbe potuto essere devastante. In futuro meriterebbe più spazio e fiducia.

HIGUAIN 8: torna al San Paolo dopo più di un mese e subito mette le cose in chiaro; trascorrono nemmeno dieci minuti, raccoglie un lancio col contagiri di Hamsik e con un destro al volo trafigge Sportiello. Nella ripresa raddoppia di testa e sono 32 in 33 gare: impressionante!

INSIGNE 5,5: qualche spunto qua e là ma non è una delle sue serate migliori. Lanciato alla perfezione dal Pipita sbaglia il controllo che lo avrebbe proiettato verso la porta avversaria. Esce per MERTENS 6,5 che entra e sembra come morso da una tarantola. Crea scompiglio nella difesa avversaria che sbanda rischiando l’imbarcata. Forza della natura ma nel finale spreca una comoda occasione.

SARRI 7: il Napoli gioca il calcio migliore, crea tanto, ha una sua precisa identità e da questo bisogna ripartire il prossimo anno per riprovare la scalata alla vittoria finale (poteri forti permettendo). Non avremmo tolto Higuain negli ultimi minuti, a questo punto bisogna cercare di farlo segnare quanto più possibile…