E’ stato identificato e arrestato l’uomo che venerdì 3 maggio voleva uccidere Salvatore Nurcaro in piazza Nazionale e che poi ha colpito anche Noemi, la bambina di 4 anni ricoverata in terapia intensiva. Ad incastrarlo le immagini catturate dalle videocamere posizionate in zona Miano,che hanno portato gli inquirenti all’arresto, avvenuto oggi all’alba in un’operazione congiunta di carabinieri e polizia. In carcere anche il complice che l’ha coperto in questi giorni di latitanza.


Da giorni fonti vicine agli ambienti investigativi, gli inquirenti aspettavano il momento di catturare l’uomo, atto conclusivo che potrebbe portare ad una soluzione del caso e capire il movente dell’agguato.

Intanto la piccola Noemi si trova sempre ricoverata all’ospedale Santobono e le sue condizioni sono in lento ma graduale miglioramento. I sanitari sono riusciti ad eliminare tutti i coaguli di sangue che ostruivano i vasi e questo ha provocato un miglioramento della vascolarizzazione dell’organo, con un conseguente miglioramento della respirazione per la bambina. Il polmone ha ricominciato ad espandersi e si spera di poterla estubare già nei prossimi giorni.