Muore dopo essere stata cacciata dal pronto soccorso. È successo ieri notte all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, dove una donna, immigrata di 30anni, era accorsa per un malore. Mary Jacob, così si chiamava la donna, era originaria dello Zimbabwe e residente a Castel Volturno.
Arriva al pronto soccorso di Pozzuoli con un forte dolore al torace e difficoltà respiratorie, ma senza ragione viene respinta dalle guardie giurate. «Non le hanno permesso neanche di entrare in pronto soccorso», racconta uno degli amici, «Lei aveva solo bisogno di essere visitata». La donna torna a casa, ma i dolori continuano, il respiro si fa sempre più affannoso e gli amici decidono di portarla a Napoli, all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta. Qui scatta il codice rosso: prelievo, elettrocardiogramma e flebo, però non c’è più nulla da fare, i parametri vitali della donna sono in declino e nonostante il massaggio cardiaco e il defibrillatore l’infarto non può essere più fermato. Mary Jacob muore tra lo sgomento di tutti. I medici hanno chiesto l’autopsia e l’intervento della Procura. Si tratta solo di un caso di malasanità o di razzismo?
Assunta Lutricuso