La Federazione Provinciale napoletana del Partito della Rifondazione Comunista ha inviato un esposto alla Procura della Repubblicasui ritardi verificatisi nelle cure domiciliari e nel ricovero del proprio dirigente Francesco Ruotolo, splendida figura sempre a disposizione della Napoli delle classi subalterne, a partire dal suo Rione Sanità, morto per Covid19 all’ospedale Cardarelli”.

In un comunicato a firma del segretario provinciale PRC Napoli, Rosario Marra, si spiega che “quanto accaduto al nostro compagno – con soccorsi chiamati che non arrivano, ritardi nella comunicazione all’ASL competente della sua positività al coronavirus e molto altro – è, purtroppo, parte di una casistica non isolata negli ospedali della nostra città e della nostra Regione. Pertanto l’iniziativa intrapresa, d’intesa con la famiglia del nostro compagno, di coinvolgere la magistratura, è stata messa in essere soprattutto per evitare che casi simili si continuino a ripetere”.