Il prof Senthil Kumar del Missouri College di Medicina Veterinaria ha utilizzato una molecola come sistema di comunicazione analoga ai batteri per impedire alle cellule tumorali di diffondersi o addirittura di morire a comando, la scoperta è stata pubblicata sulla rivista PlosOne.org.
“Durante un’infezione, i batteri rilasciano molecole che li permettono di ‘parlare’ gli uni agli altri “, ha spiegato Kumar.

“A seconda del tipo di molecola rilasciato , il segnale dirà ad altri batteri di moltiplicarsi , sfuggire al sistema immunitario o addirittura arrestarne la diffusione. Abbiamo scoperto che se si introduce il comando ‘fermare la diffusione’ quelle cellule non solo smettono di diffondersi, ma cominceranno a morire. ”
Nello studio, i ricercatori hanno trattato cellule tumorali pancreatiche umane coltivate in coltura con le molecole di comunicazione batteriche chiamate ODDHSL. Dopo il trattamento, le cellule tumorali pancreatiche smettevano di moltiplicarsi, cominciando a morire.

“Abbiamo utilizzato cellule tumorali pancreatiche perché quelli sono i più robuste, aggressive e difficili da uccidere. Riteniamo che il trattamento potrebbe essere utilizzato in altri tipi di cellule tumorali e nel nostro laboratorio testeremo su altri tipi di cancro questa cura.”
“Stiamo lavorando su un metodo migliore che ci permetterà di trattare gli animali con il cancro per vedere se questa terapia è veramente efficace. I risultati della fase iniziale di questa ricerca sono promettenti e se ulteriori studi, tra cui studi su animali riusciranno, ci avvieremo verso il passo successivo traducendo questa applicazione nelle   cliniche “.
Moving Forward

A proposito dell'autore

Naples, Italy
Google+

Diplomato presso un liceo scientifico e laureando in scienze della comunicazione, mi occupo di scrivere articoli scientifici, condurre podcast radiofonici, organizzare gruppi di persone per il conseguimento di progetti, fare da relatore su tematiche come Open Source e tecnologie positive per la società umana, ho realizzato una stampante 3D ed ora mi occupo di elaborare per conto di altri campagne di crowdfunding e mi sto specializzando nel settore dell'E-Learning.

Post correlati