Riceviamo e con piacere divulghiamo

“Miti di musica”: il MANN e l’Associazione Alessandro Scarlatti di nuovo in rete
Dal 6 giugno al 4 luglio, per i giovedì sera al Museo, appuntamento con la grande musica
Cinque concerti (sempre alle 20.15), inclusi nel ticket speciale (2 euro) di accesso al MANN

Melodie e suggestioni per colorare i giovedì sera al Museo Archeologico Nazionale di Napoli: il 6 giugno 2019 (ore 20.15) sarà in programma il primo appuntamento della terza edizione del ciclo “Miti di Musica”, che definisce, ancora una volta, la collaborazione fra il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e l’Associazione Alessandro Scarlatti.

La rassegna prevederà cinque concerti ispirati al tema del Mito, con scelte artistiche segnate dalla varietà dei linguaggi musicali adottati, in piena sintonia con la sapiente contaminazione che il MANN sta portando innanzi nella propria attività culturale.

Giovedì 6 giugno

Protagonista del primo concerto, intitolato “Miti Viennesi”, sarà il Quartetto Mitja (in foto), con un programma dedicato ad Haydn e Beethoven. Vienna, a partire dalla metà del XVIII secolo, fu la capitale della musica per circa 150 anni e Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert contribuirono in maniera determinante all’affermazione di questo mito. Theodor Adorno, nella sua Introduzione alla sociologia della musica, ha scritto parole illuminanti su tale argomento: «Il viennese come dialetto era il vero linguaggio universale della musica. Questo fatto viene mediato dalla tradizione artigianale dell’elaborazione motivico-tematica, l’unica che sembrava garantire alla musica qualcosa come la totalità immanente l’insieme. Il genio proprio di Vienna che dominò la storia della musica per quasi centocinquant’anni, era un cosmo di sfera superiore e inferiore, esso era l’intesa tra conte e cocchiere come modello sociale di integrazione artistica».

Giovedì 13 giugno

Giovedì 13 giugno il Coro Mysterium Vocis diretto da Rosario Totaro traccerà un percorso dal ‘500 ai giorni nostri, intitolato “Dalla Sybilla alla Vergine”. In questo viaggio musicale, risulterà complesso, dal punto di vista semantico, il confronto tra la figura della Sibilla, ancorata al mondo pagano ma utilizzata per profetizzare l’avvento dell’era cristiana, e quella della Vergine Maria, mediatrice, già nel suo grembo, tra dimensione naturale e soprannaturale.

Giovedì 20 giugno

Giovedì 20 giugno la Rotary Youth Chamber Orchestra presenterà un viaggio attraverso i grandi classici del Barocco musicale con un solista d’eccezione come Luca Signorini, affiancato dai giovanissimi virtuosi Riccardo Zamuner e Alessandro Di Giacomo e da una già affermata compagine orchestrale.

Giovedì 27 giugno

Giovedì 27 giugno proseguirà l’indagine dello ScarlattiLab Barocco nella Roma dei Papi di fine XVII secolo. Protagonista di questo concerto sarà la musica di Alessandro Melani, grandissimo compositore, i cui mottetti spirituali influenzarono il grande Alessandro Scarlatti.

Giovedì 4 luglio

La rassegna si chiuderà giovedì 4 luglio con un progetto speciale dedicato al rapporto tra musica e immagine con la sonorizzazione di Fantasia ‘e Surdate di Elvira Notari, capolavoro del cinema muto napoletano; sul palco il duo formato da Dolores Melodia e Michele Signore, che hanno realizzato questo percorso in collaborazione con la Cineteca di Bologna.

Ticket ridotto

La partecipazione ai concerti è inclusa nel ticket ridotto serale (2 euro), acquistabile al MANN, a partire dalle 20 di ogni giovedì sera. Con il medesimo biglietto, sarà possibile visitare, sino alle 23, collezioni permanenti ed esposizioni temporanee (“Canova e l’antico”; “Corto Maltese. Un viaggio straordinario”; “L’arte sa nuotare” dello street artist Blub).