Ci fa sempre piacere dare spazio a Maurizio Capone e al suo costante impegno sociale: lo abbiamo fatto in occasione dell’uscita del suo singolo “White Black” (https://www.napoliflash24.it/maurizio-capone-limpegno-sociale-che-non-si-ferma-mai/) e all’inaugurazione dell’ultima edizione di Futuro Remoto (https://www.napoliflash24.it/maurizio-capone-inaugura-la-33ima-edizione-di-futuro-remoto/), dove fu invitato proprio in virtù della sua musica a impatto ambientale zero.

Successivamente, in supporto del movimento ambientalista Friday For Future, Capone uscì col singolo ‘Le mani nel sole’, presentato da Fiorello nel format Vivaraiplay. Negli articoli citati parlammo anche delle iniziative tenute da Capone all’interno delle carceri italiane nell’ambito del progetto Gli ultimi saranno, curato da Raffaele Bruno, direttore artistico del collettivo Delirio creativo. Questo progetto prosegue ora con un nuovo tour in alcuni istituti di pena italiani, che vedrà Capone il 24 febbraio a Modena, il 23 marzo a Bollate (Mi), il 6 aprile a Santa Maria Capua Vetere (Ce) e l’11 maggio a Rebibbia (Roma). Ma Capone porterà l’esperienza maturata in tanti anni di impegno sociale, anche a Montecitorio, dove il 10 febbraio prossimo alle ore 16, nella nuova aula dei gruppi parlamentari, sarà il protagonista di “Gli Ultimi Saranno – Convegno Spettacolo”, in cui parlerà agli onorevoli delle attività finora svolte con le persone momentaneamente recluse, come i laboratori creativi e le buone pratiche.

Un giusto riconoscimento ad un’artista che ha fatto dell’impegno sociale il suo marchio di fabbrica fin dagli esordi, creando strumenti nuovi ottenuti solo con materiale riciclato quando ancora l’ambiente non era un’emergenza, tenendo già da molti anni iniziative artistiche nelle carceri italiane, e impegnandosi nell’antirazzismo e nel recupero degli emarginati. La sua musica è da sempre fortemente improntata sui temi sociali a partire proprio dagli insoliti strumenti usati da lui e dalla sua band ‘Capone & BungtBangt’, e nel corso della sua lunga carriera artistica, ha ricevuto numerosi riconoscimenti, come il premio “Felicia e Peppino Impastato” e il premio “Campione di economia circolare” da Legambiente, ed è stato nominato “socio onorario” da Musica Contro le Mafie, dell’associazione “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” il cui presidente è Don Ciotti. E da un’artista come Maurizio Capone, non ci si poteva aspettare niente di diverso che un nuovo e forte impegno sociale che, partito da Napoli, sbarca ora a Montecitorio.