“C’e’ una profonda sintonia sulla legge elettorale verso un modello che favorisca la governabilità, il bipolarismo e che elimini il potere di ricatto dei partiti più piccoli’’. Con queste parole il sindaco di Firenze si è rivolto ai giornalisti dopo due ore di incontro con l’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi. ‘’Abbiamo condiviso l’apertura ad altre forze politiche di scrivere questo testo di legge che per quanto ci riguarda; se nelle prossime ore saranno verificati tutti i dettagli, presenteremo il tutto alla direzione del Pd affinché voti lunedì alle 16”.

Nella sede del Partito democratico a Roma, se da un lato i due leader hanno ribadito una forte intesa, dall’altro hanno certamente creato non poche preoccupazioni nel Pd e scatenato caos politico. Attorno alle 15 Renzi varca per primo il blindatissimo ingresso del Nazareno, dove un’ora più tardi giunge anche il leader di Forza Italia. Renzi è arrivato con il portavoce della segreteria Lorenzo Guerini, mentre con Berlusconi il fedelissimo Gianni Letta.

Soddisfatto del faccia a faccia il Cavaliere che ha spiegato in una nota diramata al termine dell’incontro. “L’accordo con Renzi prevede una nuova legge elettorale che porti al consolidamento dei grandi partiti in un’ottica di semplificazione dello scenario politico. Insieme – ha poi detto Berlusconi – abbiamo auspicato che tutte le forze politiche possano dare il loro fattivo contributo in Parlamento alla rapida approvazione della legge, che speriamo possa essere largamente condivisa. Durante il nostro colloquio, pur ribadendo le critiche di Forza Italia all’azione dell’esecutivo, e auspicando di poter al più presto ridare la parola ai cittadini, ho garantito al Segretario Renzi che Forza Italia appoggerà in Parlamento le riforme.

Intanto il Nuovo Centrodestra, partito del vicepremier Angelino Alfano, e le altre due formazioni centriste che sostengono l’esecutivo, Scelta civica e Popolari per l’Italia, evocano la possibilità di una crisi di governo se la riforma della legge elettorale non si fonderà sulla preliminare intesa di tutte le forze di maggioranza.
[adrotate group=”4”]

A proposito dell'autore

Barbara Caputo

Post correlati