Nel primo Covid abbiamo fatto come Regione un impegno di 1 miliardo e 100 per i ristori alle piccole aziende con meno di 100mila euro all’anno di fatturato. Il presidente ci ha tenuto a fare un’operazione massiva, abbiamo liquidato in tempi rapidi per venire incontro a queste esigenze“. Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Attività produttive e al Lavoro Antonio Marchiello intervenendo in trasmissione su Radio Crc Targato Italia.

L’assessore fa il punto della situazione: “Siamo a un anno di battaglie per i piccoli imprenditori che sono i più danneggiati, non basta più la Cig né il ristoro del Governo tra fitti e tasse. Le vertenze e le crisi sono seguite attentamente come Giunta e come direzione generale. Un esempio su tutti è il caso della Meridbulloni, dal 5 febbraio sono tornati a lavoro grazie a un imprenditore serio del Nord che ha assorbito il personale. Come Regione abbiamo fatto una piattaforma dove si trovano tutti i siti dismessi per gli imprenditori che vogliono investire in Campania“.

Infine Marchiello conclude su Whirlpool: “E’ simbolo di questi problemi, i lavoratori sono i più seri e qualificati. Non bisogna raccontare cose inutili a padri di famiglia che vogliono soltanto lavorare. Non dico che ci sarà una soluzione immediata ma a medio termine sono fiducioso. Draghi e i suoi ministri dovrebbero decentrare queste deleghe perché conosciamo il territorio e le sue esigenze. Invitalia fa un po’ troppo, se avessi un soggetto campano andrei al tavolo di Roma a non fare l’attore“.