“L’operazione è perfettamente riuscita”: così Leopoldo Luque, medico personale di Maradona che ha condotto l’intervento, ha finalmente sciolto la tensione sulle condizioni di salute di Maradona. Intervento riuscito dunque, per l’ex Pibe de Oro, operato d’urgenza in una clinica di Buenos Aires, per un ematoma a livello celebrale. L’intervento, in anestesia generale, è durato un’ora e mezza circa, il tempo necessario per rimuovere l’edema subdurale evidenziato dagli esami strumentali.

L’ematoma presente tra il cranio e il tessuto cerebrale è stato rimosso senza alcuna complicazione e il paziente è già sveglio e lucido ma resta ancora sotto stretta osservazione“, ha spiegato il chirurgo.

L’ex campione del mondo resterà comunque ricoverato per almeno una settimana, così da monitorare il paziente nella fase post operatoria. Per il ritorno in panchina, invece, si stima che dovrà aspettare circa un mese. Ad accompagnare Maradona prima, dopo e durante il delicato intervento c’erano le figlie Dalma e Gianinna. Le prossime 24 ore serviranno per escludere qualsiasi tipo di complicazione, ma le condizioni attuali di Maradona sono state giudicate buone dai medici.