Non si ferma l’ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Campania nel ponte di Ognissanti. La Protezione Civile regionale ha infatti diramato un avviso di allerta meteo con criticità arancione a partire dalle 12 di domani, martedì 5 novembre, e per le successive 24 ore. Oggi intanto in diversi comuni del salernitano le scuole sono rimaste chiuse per ragioni di sicurezza.

Su gran parte del territorio campano si prevedono forti precipitazioni e temporali che potrebbero dar luogo a un rischio idrogeologico diffuso e quindi a “instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango; significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti); Possibili cadute massi in più punti del territorio”. Il rischio è aggravato dall’attuale situazione di saturazione del suolo per effetto delle precipitazioni delle ultime ore e dell’effetto cumulo.

Le aree in cui vige l’allerta arancione sono quelle che vanno dalla 1 alla 5: Piana Campana, Napoli, isole, Area Vesuviana, Alto Volturno, Matese, Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno, Monti Picentini, Alta Irpinia, Sannio, Tusciano, Alto Sele. In tutto il territorio vige, inoltre, l’allerta meteo gialla a causa di “precipitazioni sparse, con rovesci e temporali di moderata intensità e rischio idrogeologico localizzato, oltre che locali raffiche di vento durante i temporali”.