Suoni contro muri, la rassegna musicale che nasce da un’idea di Marisa Laurito, mette in scena molti talenti e fa spettacolo miscelando le arti universali. Pittura, scultura, musica che sono arti affini nonostante approccino con differenti metodi alle fasi realizzative, riuscendo però a suscitare in fase performativa emozioni molto simili. Suoni contro muri 6 testimonial per 6 musicisti accompagnati da 6 artisti di arte contemporanea in 6 concerti. In questa rassegna sei artisti importanti e riconosciuti a livello internazionale: Renzo Arbore, Stefano Bollani, Eugenio Bennato, Tosca, Peppe Barra e Maurizio de Giovanni – raccontano, perché appassionati, la musicalità di 6 bravissimi musicisti: Gianni Conte, Lorenzo Hengeller, Tommaso Primo, Fiorenza Calogero, Suonno d’ajere e Flo. Grazie al museo Madre, nella persona di Laura Valente, presidente uscente, intervengono in questi concerti con le loro immagini, 6 potenti artisti di arte contemporanea: Lello Esposito, Enrico Benetta, Roxy in the box, Giuseppe Riccardi, Chiara Pirollo e Valeria Laureano. Oggi più che mai, dobbiamo essere uniti! Soprattutto gli artisti che hanno il dono del talento e della sensibilità. Alla fine di questa rassegna, in “bonus track”, trasmetteremo EgoSistema, un concerto di Maldestro

mercoledì 21 aprile (ore 20) – venerdì 23 (ore 21) – domenica 25 (ore 18)
Maldestro – EgoSistema

Maldestro, voce e tastiere; Luigi Pelosi, basso; Antonio Cece, chitarra; Lorenzo Varchetta, batteria.

EgoSistema 
Nel 2014, Maldestro intraprende la carriera di cantautore, pubblicando alcune canzoni tra cui Sopra al tetto del comune e Dimmi come ti posso amare. I due brani gli fanno vincere numerosi premi, come Palco libero, contest per musicisti emergenti del teatro Trianon Viviani.

Nel 2020 il cantautore pubblica EgoSistema, un viaggio musicale introspettivo e intimistico, in cui si racconta a tutto tondo. La voce graffiante e tormentata dell’artista invita ad assaporare ogni parola, immagine ed emozione suscitata dalle note. Una dichiarazione di libertà e di intenti attraverso cui il cantautore si mostra al pubblico con trasparenza e sincerità, lasciando che la sua identità artistica resti chiara e riconoscibile. Con questo album Maldestro dimostra di essere un artista eclettico e versatile, in grado di abbracciare sound differenti.

Ma chi me lo fa fare (Antonio Prestieri)

Precario equilibrio (Antonio Prestieri)

Anna se ne frega (Antonio Prestieri)

Pezzi di me (Antonio Prestieri)

Il panico dell’ansia (Antonio Prestieri)

Segnali di fumo (Antonio Prestieri)

Leggero (Antonio Prestieri)

Paranoie (Antonio Prestieri)

 Dannato amore (Antonio Prestieri)

EgoSistema (Antonio Prestieri)

Canzone per Federica (Antonio Prestieri)

La felicità (Antonio Prestieri)

Abbi cura di te (Antonio Prestieri)

Spine (Antonio Prestieri)

Kim-ki Duk (Antonio Prestieri)