Si è svolta, come ogni anno, a partire dal 2013 la fiera dei “Makers” inventori all’ Università La Sapienza dove sono state esposte più di 700 invenzioni, in 600 stand per 15 mila mq di spazi espositivi su 100 mila con sempre più importanti novità:

I padiglioni erano divisi in lettere e ognuno di questi trattava un tema specifico. Quest anno si sono viste moltissime stampanti 3d come l’italiana WaspProject capace di stampare anche case con la loro punta di diamante chiamata BigDelta da 12metri.

Per la robotica c’è “Walkman”, un robot alto due metri capace di salutare e tagliare il nastro, testato tagliando lo stesso nastro della manifestazione.

Per quanto riguarda i trasporti  Hyperloop ha studiato un sistema capace di superare la velocità del suono, circa 1.237 km/h, collegando ad esempio Roma Milano in soli 24 minuti. Il prototipo si realizza con appositi canali collegato ad un sistema a propulsione con una serie di pompe alimentato quasi del tutto a pannelli solari.

I primi due giorni c’era la possibilità di essere giornalista tramite MakerTv che mandava in Onda il miglior filmato tra quelli inviati che rappresentava la fiera Makerfaire.

Inoltre, quest anno la francia e un network di distributori cinesi, cercano di rendere accogliente la loro terra per gli innovatori, difatti lanciano un appello:

Lo stand IngDan offre l’opportunità di decollare in cina tramite la loro piattaforma che unisce makers italiani con produttori e distributori cinesi.

“La francia accoglie le start-up” così viene lanciato l’appello di sayouitfrance che incita ai giovani startuppers come “installarsi” rapidamente sul territorio francese e come accede a sostegni finanziari.