Per i Pezzulli di Luciana Pennino: Chiacchiere di primavera

Maggio… M’aggio stancata di questo freddo! Da statuto, maggio è primavera. È, semmai, mezza stagione ma tendente verso il tepore, anzi verso il caldo, e non un ritorno alla neve. Così non va, anzi non vale! Abbiamo già messo fuori pulloverini di filo e spolverini, nonché il desiderio di vestiti leggeri, e abbiamo invece riposto plaid e piumoni, quelli che devono ormai essere a ninna dentro al cellophane e con la naftalina.

Ma si usa ancora la naftalina? Boh! 

E allora che succede? Succede che è maggio avanzato e di metter braccia e piedi da fuori ancora non se ne parla, tanto che gli starnuti si confondono tra quelli di allergia e quelli di raffreddore, con l’unica conclusione comune di acquistare tanti e tanti fazzoletti di carta.

Ma quelli in stoffa, esistono più? Mah…

Insomma la primavera ce la stanno fregando sotto il naso e c’è chi dice “meno male”, perché non sopporta il caldo già a maggio, e c’è chi dice “basta! non ce la faccio più col freddo!”. Ecco, per dirla tutta, io faccio parte di questa seconda categoria, disposta ad imperlarsi la fronte di goccine di sudore o a sentire gli abiti attaccati addosso ma non più ad intirizzirsi o ad accendere la borsa elettrica dell’acqua calda pur di coccolarsi nell’abbraccio del calore.

Dunque, tempo mio bello, che intenzione hai? Perché io ti conosco… nel giro di pochi giorni, poi, ci farai boccheggiare per l’afa umida e appiccicaticcia, che tutti iniziano a sbarellare per strada, dando i numeri per il cervello fuso e per la poca aria nei polmoni… giusto?? No, non è giusto, ma oramai è così, anche per avere qualcosa di veramente valido di cui parlare in ascensore o in fila alla posta. Vabbè, allora grazie mille, così non rimarremo muti.

Orsù, mese mio preferito, mese della Madonna, mese della festa della mamma, mese delle rose, mese che si apre con un giorno di festa… mitigati e renditi gradito, che ti costa?!

Luciana Pennino

“Maggio viene ardito e bello

con un garofano all’occhiello,

con tante bandiere nel cielo d’oro

per la festa del lavoro.”

(Gianni Rodari)

A proposito dell'autore

Luciana Pennino

Esordiente nel 2017 con "Primule fuori stagione" (Iuppiter Edizioni). Per Napoliflash24 pubblica settimanalmente i "Pezzulli" e cura le rubriche di interviste "La Bellezza salverà Napoli" e "Tips for Startuppers".

Post correlati