Volesse il cielo: confessioni di una fan mai pentita.

Quando si parla di lei, l’ironia nasce spontanea, lei stessa è un personaggio estremamente autoironico perfino umoristico, a tratti. Le sue battute trancianti, i tempi teatrali delle sue battute e dei suoi silenzi, l’irriverenza assoluta dei suoi motti di spirito hanno deliziato i suoi ammiratori per oltre sette lustri. Insomma si potrebbe dire, spiritosamente : “Apriamo i porti per Madonna!”, “Benvenuta a un’altra extracomunitaria”, e sarebbero commenti molto adatti.

“Alla Scala non vogliono gente come me!” ha dichiarato recentemente la cantante e da qui l’immediata risposta partenopea: “Se là non la vogliono, ce la prendiamo noi!”

In questo senso si è espressa autorevolmente anche la General Manager del teatro S. Carlo, Rosanna Purchia, e pare che con gli organizzatori del prossimo tour mondiale siano partite le trattative.

Queste le ultime notizie e questo l’antefatto:

l’immagine evoca un trauma della piccola Madonna che vide sua madre nella bara con le labbra cucite, come si usava all’epoca. In questa fase della sua carriera Madonna esprime fragilità celata nella età più giovanile.

Il 14 giugno scorso, dopo varie anteprime mondiali di alcuni brani, Madonna presenta il suo ultimo CD, Madame X. A dispetto degli haters e di tutti i critici più o meno musicali, il prodotto scala la classifiche e diventa subito primo in 60 Paesi del Mondo. Un paese per ognuno dei suoi anni si è detto, sembra impossibile dire Madonna e non aggiungere 60 (vi risparmio il discorso intorno al pregiudizio sulle donne che invecchiano contro cui Madonna ha ingaggiato un’epica battaglia!).

Questa donna, ormai fuori dal tempo, leggenda vivente e già immortale, è tornata più bella e energica di sempre, sempre più “contaminata” da tutti i Paesi che ha visitato e in cui è vissuta, da tutti gli artisti che ha conosciuto e con cui ha collaborato, da tutti i libri che ha letto (compresi testi sacri in sanscrito), da tutte le opere d’arte che ha visto e collezionato. Questa spugna assorbente – come si è definita lei stessa, sempre curiosa, sempre alla ricerca della successiva cima da scalare, ha deciso di rompere l’ultimo diaframma dell’intimità: incontrare i suoi fan, occhi negli occhi. Per lei che ha dichiarato “viviamo in un’epoca in cui è più facile mostrare il culo che l’anima” è arrivato il momento di incontrare il pubblico da vicino. Il tour mondiale, che partirà a settembre, sarà tenuto nei teatro, almeno 2 o tre date per ogni tappa, 300/400 persone alla volta, per sentirsi veramente insieme.

La benda piratesca sull’occhio sinistro è il marchio di fabbrica del nuovo CD Madame X

Tra le prime mete programmate non appare nessuna città italiana. Il suo pubblico però spera e poi, di lunedì 17 giugno, la notizia bomba: “Alla Scala non vogliono gente come me!” Lo dichiara lei stessa ai numerosi giornali che pubblicano sue interviste in questa fase spasmodica di lancio del nuovo cd.

Martedì 18 giugno Napoli dichiara che sarebbe felice di riceverla al S. Carlo, nel più antico teatro lirico del Mondo.

Sarebbe la prima volta che Madonna viene a Napoli. Nei suoi precedenti tour non si è mai spinta più a sud di Roma e in Puglia e in Sardegna ci è stata solo in vacanza.

Un’occasione mancata di visita alla città ci fu nel 2016 in occasione della sfilata di Dolce e Gabbana, suoi grandi amici, nel Centro Storico. In quella occasione arrivò pure Donna Sofia, e si vociferò che l’arrivo della Signora Ciccone fosse programmato, ma nulla di fatto.

Si spera che questa sia la volta buona!