«Litter Hunter è una delle prime iniziative di sostenibilità». Spiega così il progetto Litter Hunter Andrea Ferraioli, presidente del Distretto Turistico della Costiera Amalfitana. «In Costiera attiveremo una applicazione, già in parte attiva, per aiutare i turisti a fare correttamente la raccolta differenziata. Abbiamo delle azioni che sono state già intraprese negli alberghi per la riduzione della plastica e dunque l’utilizzo di borracce in alluminio per i nostri turisti e l’eliminazione completa della plastica del frigo bar – continua Andrea Ferraioli-».
Litter Hunter è un sistema che individua plastiche e microplastiche ed è in grado di effettuarne la raccolta e il recupero fino alla profondità di 60 cm dal pelo d’acqua. Si tratta di un drone aereo S800 di ampiezza massima di 800 centimetri che si alza in volo per effettuare operazioni all’interno delle boe segnalatrici appositamente posizionate. Il drone individua la plastica e la microplastica, a quel punto trasmette il segnale al robot marino che parte e raccoglie tutto il materiale. Il sistema è composto da tre unità fondamentali operanti in ambienti differenti: rilevamento (Aereo), recupero (Marino) e coordinamento (Terrestre).
«Nei mesi di Agosto e Settembre – conclude Ferraioli – avremo continue azioni di pulizia del mare con la collaborazione di Miramare service di Positano che ci permetterà di continuare questa attività di pulizia su tutti i litorali della Costiera Amalfitana».

A proposito dell'autore

Barbara Caputo

Post correlati