Il Leonardo Bianchi e Napoliflash24 all’EXPO 2015

L‘ex ospedale psichiatrico Leonardo Bianchi, incredibile e prestigiosa istituzione nella cura delle malattie mentali oramai tristemente in disuso, è presente all’Expo.

Bianchi all'Expo (2)  fotosenegal_rid

Il Bianchi era all’avanguardia non solo per le cure ed il trattamento dei pazienti, ma anche per l’accoglienza e l’alimentazione, ed in quest’ultima si trova il senso della presenza dell’ex ospedale psichiatrico all’Expo 2015.

Grazie al certosino lavoro della dott. ssa Anna Sicolo, dirigente capo del Polo Archivistico della sanità napoletana, l’ex ospedale psichiatrico sta venendo all’attenzione. Questa struttura con i suoi 220.000 mq di superficie, ospitava non solo gli edifici riservati alle attività ospedaliere, ma anche ampi spazi di verde dedicati in parte alla coltivazione di frutta, ortaggi e verdure ed all’allevamento di animali.
Livia turco      Livia turco (2)
(la dott.ssa Anna Sicolo e l’On. Livia Turco allo spazio Bianchi)
Come si evince, una struttura all’avanguardia nella cura e rieducazione dei pazienti, ma soprattutto anni luce avanti nel praticare l’auto produzione di gran parte degli alimenti consumati:  la sostenibilità, concetto centrale dell’Expo 2015, è stata già praticata con notevole successo, sotto forma di esperimento sociale nel Bianchi. “Alimentiamo la speranza”, il concept del Bianchi all’Expo, racchiude l’auspicio che il Bianchi possa diventare di nuovo un centro di grande attrattiva per il progresso, la cultura e l’innovazione.
Bianchi all'Expo (5)   Bianchi all'Expo (4)
 ( i danzattori Mauro Maurizio Palumbo e Salvatore Camerlingo)
Di seguito l’interessantissima intervista alla dott. ssa Anna Sicolo che ci spiega il perchè della presenza del Bianchi all’Expo e i danzattori Mauro Maurizio Palumbo e Salvatore Camerlingo, interpreti di una straordinaria performance all’Expo, spazio Leonardo Bianchi

Raffaele Cofano

Video e foto di Paola Aucelli