Nota dolente dei nostri giorni, è la riscossione delle somme che si assumono dovute allo stato da parte dell’Agente della Riscossione delle Province Italiane, ovvero di Equitalia Sud .

E’ necessario avvertire i lettori che, aver ricevuto una cartella esattoriale non e’ un dramma , ma certamente occorre recarsi, in breve tempo,  presso gli Uffici dell’Agente per effettuare gli opportuni accertamenti.

La cartella esecutiva, infatti, al pari di una sentenza  e’ un titolo esecutivo che consente ad Equitalia Sud, in caso di mancato pagamento, di agire per il recupero con strumenti che ad oggi sono particolarmente incisivi ed efficaci, aggredendo beni del debitore con provvedimenti come il fermo amministrativo, l’ipoteca della casa od addirittura il pignoramento della stessa con successiva vendita coatta.

 La prima cosa da fare per valutare di procedere con ricorso all’Autorità Giudiziaria è verificare la regolarità della  notifica chiedendo un estratto di notifica presso Equitalia Sud, laddove non vi è prova dell’avvenuta notifica, la cartella è impugnabile.

Il caso più frequente di notifiche da parte di Equitalia Sud ,riguarda le multe  per violazione del codice della strada, in questo caso:

La competenza  è del giudice di pace, del luogo ove e’ avvenuta l’infrazione, entro 30 giorni dalla notifica  ma considerato che la cartella notificata e’ il primo atto dell’azione esecutiva, non basta più fare un ricorso bensì si deve procedere  ai sensi dell’art.615 c.p.c. e, predisporre un atto di citazione

Oltre alle multe ,la cartella esattoriale e’ il mezzo con il quale i concessionari riscuotono, come intermediari, somme relative  a tasse, tributi, sanzioni etc. dovute allo Stato, ad enti pubblici, previdenziali, etc.

Per tale motivo non si puo’ dire che esista un termine di prescrizione proprio della cartella ma dipende  dal tipo di sanzione oggetto dell’iscrizione a ruolo e della riscossione

Il termine di prescrizione, entro il quale la cartella  deve essere notificata, segue quello del tributo che si deve riscuotere.

 Quindi in caso Tarsu, ici (la prescrizione e quinquennale) in caso di mancato pagamento del bollo auto (la prescrizione è triennale)………

Per le Multe al codice della strada e sanzioni amministrative in genere: il termine di prescrizione e’ di cinque anni dalla data dell’infrazione. La corretta notifica del verbale (atto precedente la cartella) interrompe il termine facendolo ripartire, pertanto la prescrizione della cartella e’ di cinque anni dalla notifica del verbale

Laddove risulti inutile l’opposizione, si potrà sempre richiedere la rateizzazione delle cartelle di pagamento

Per cartelle di equitalia, il cui totale ammonta ad importi inferiori ai 50 mila euro, la rateizzazione è concessa automaticamente presentando istanza in Equitalia.
Le cartelle di Equitalia possono essere pagate nella misura massima di 72 rate mensili per un massimo quindi di sei anni dall’approvazione del piano di rientro.
Tale termine, potrà essere allungato,  richiedendo quando in base ad una riduzione della propria capacità reddituale che si esplicita concretamente quando l’importo della singola rata è superiore al 20 per cento del reddito mensile del tuo nucleo familiare. Se volete aiutarvi ad avere un’idea prima di recavi potreste prendere anche l’indicatore ISR o ISEE del nucleo familiare oppure fare riferimento alla quantificazione che avete avuto al momento della concessione del primo piano di rateizzazione.

Avv. Mara Cappelli

 studio in Napoli alla Via Pier delle Vigne n. 5   tel. 081-7510676 -081/7510705