DOMENICA 20 GENNAIO – ore 10:30 

L’ORDINE DEI BENEDETTINI A NAPOLI: VISITA ALLA CHIESA DEI SANTI SEVERINO E SOSSIO 

La visita riguarderà una delle chiese più importanti e meravigliose del centro antico di Napoli, riaperta al pubblico nel 2014 dopo trent’anni di chiusura in seguito al terremoto del 1980. Fu fondata nel X secolo dai Benedettini, quando, per le temute incursioni saracene, abbandonarono il vecchio monastero, situato sulla collina di Pizzofalcone, portando anche le reliquie di san Severino. Nel 904 vi trasferirono le reliquie di San Sossio, compagno di martirio di San Gennaro. Nel 1490 l’architetto calabrese Francesco Mormando gettò le fondamenta dell’attuale chiesa ma dopo il terremoto del 1631 l’edificio subì importanti lavori di ricostruzione per poi essere rimaneggiato ancora nel secolo XVIII.

La chiesa è a croce latina ad unica navata con soffitto a volte, con sette cappelle a lato. Le diverse opere d’arte custodite vanno dal XVI secolo al XVIII secolo e rendono la chiesa un vero e proprio museo, che ospita capolavori di artisti come Marco PinoFrancesco De MuraBelisario CorenzioAndrea da Salerno. Interessante è anche laSacrestia, preceduta dall’antisacrestia, caratterizzata dalla rilevante cappella Medici di Ottaviano, in cui è presente il monumento sepolcrale di Camillo de’ Medici del 1596, opera di Girolamo D’Auria, affiancata ad un altro monumento funebre di Andrea Ferrucci da Fiesole; la pala d’altare è invece di Fabrizio Santafede. La sacrestia conserva il ciclo di affreschi più integro di Onofrio De Lione, pittore napoletano fratello del più noto e celebrato Andrea ed allievo del Corenzio. A lui si devono le scene del Vecchio Testamento, firmati e datati 1651, ad eccezione della Santissima Trinità raffigurata sulla piccola volta in fondo al vano.

PROGRAMMA

10:30 Raduno partecipanti all’ingresso della chiesa, Largo San Marcellino, Napoli

12:30 Fine delle attività

INFO E PRENOTAZIONI: 392 2863436


DOMENICA 20 GENNAIO – h 10:45

MERAVIGLIE DI ARTE E FEDE: VISITA ALLO STRAORDINARIO COMPLESSO DELLE BASILICHE PALEOCRISTIANE DI CIMITILE

 La Cooperativa Sire vi invita a una interessante visita che riguarderà il Complesso Basilicale paleocristiano di Cimitile, eccezionale esempio di arte e fede efondamentale testimonianza nella storia della cristianità occidentale. Il complesso comprende diversi edifici fra chiese e resti di basiliche, spesso decorate con mosaiciaffreschi, ed è un importantissimo monumento di arte paleocristiana, una dei maggiori in Europa. Dopo le difficili operazioni di scavo e i notevoli lavori di restauro, è possibile oggi intuire la complessa stratificazione dalla basilica di S. Felice in Pincis, comprendente quel che resta della basilica originaria a due navate, alla quale Paolino addossò, perpendicolarmente, un nuovo edificio di culto, a tre navate, ampliando altresì la tomba del Santo e cingendola di un’edicola a pianta quadrata, decorata da mosaici. Si aggiunsero in seguito la Basilica di San Gaulonio e la chiesetta dei Santi Martiri, interamente affrescata e costruita con i materiali di risulta della preesistente necropoli romana. Quindi, dal VI sec. d.C. in poi, furono aggiunte al complesso le basiliche dei Santi Stefano e Lorenzo, dei Santi Giovanni Battista ed Evangelista, di San Tommaso e la basilica medievale della Santa Vergine. Attualmente è parte del complesso archeologico delle basiliche anche l’Antiquarium dove si conservano epigrafi romane, un sarcofago romano riutilizzato nel V-VI sec. d.C., marmi riutilizzati, numerosi reperti ceramici, tra cui vasi e lucerne.

 PROGRAMMA

PROGRAMMA

ore 10:45 – Raduno partecipanti presso l’ingresso del Complesso basilicale in via Madonelle, Cimitile

Ore 12:30 – Fine della visita guidata

Come arrivare:

– Per chi viaggia in treno, la stazione è quella di Cimitile (Ferrovia Circumvesuviana, linea Napoli-Baiano)

e dista circa 10 minuti dal luogo dell’appuntamento. Partenza da Napoli piazza Garibaldi ore 9:20.

– Chi arriva a Cimitile in automobile, può servirsi del raccordo autostradale Napoli-Salerno; dopo 700 m, superare il cartello Pomigliano d’Arco e proseguire lungo l’autostrada E842-A16 per 16,6 km; superare il cartello Nola-Caserta, girare a destra e proseguire per l’autostrada A30 per 1,5 km; superare il cartello Nola, girare a destra e proseguire per la SS 7 bis Variante per 524 m; proseguire lungo la via Nazionale delle Puglie per 504 m, quindi per la SS 7 bis per 2 km e girare a sinistra; seguire via Tanzillo per 109 m, girare a destra per via Colombo per 58 m, svoltare infine a sinistra proseguendo per via Cisterna per 65 m.

INFO E PRENOTAZIONI 392 2863436