SABATO 16 NOVEMBRE – ORE 11:00 

VISITA GUIDATA ALLA CHIESA DI SANTA MARIA EGIZIACA A FORCELLA

L’Associazione culturale Respiriamo Arte, per la visita guidata sul territorio del mese di novembre, propone ancora una volta un luogo fuori dagli schemi: la Chiesa di Santa Maria Egiziaca. Non facilmente accessibile, ancor meno con visita guidata, è uno scrigno di opere d’arte e vanta nomi di grandi artisti come Luca Giordano, Solimena, Fabrizio Santafede, Dionisio Lazzari. Respiriamo arte vi accompagnerà in una visita esclusiva a porte chiuse alla scoperta di un autentico gioiello dell’arte e dell’architettura tarda barocca napoletana che troppo spesso passa inosservato. Fondata dalla Regina Sancia d’Aragona Majorca, insieme ad un monastero destinato, come era uso nel tempo, ad accogliere le cosiddette donne traviate. La Regina volle dedicare il monastero e la chiesa proprio a Santa Maria Egiziaca che era stata “peccatrice” come la Maddalena e che poi aveva trascorso 47 anni di asprissima vita eremitica nei deserti d’Egitto. All’inizio del ‘500 la Chiesa venne ricostruita, secondo le fonti, dall’architetto Gabriele d’Angelo o d’Agnolo e prima del Risanamento di Napoli la chiesa affacciava sulla piazza detta dell’Olmo per il grande albero, sotto il quale si raccoglievano i negozianti del luogo. I lavori di apertura del Corso Umberto prevedevano la scomparsa della piazza, tuttavia non intaccarono la chiesa, la quale conservò l’antico ingresso e ottenne solo una facciata laterale, parallela alla nuova strada. Al 1765 si data la costruzione del nuovo chiostro e del nuovo ingresso con i tre busti in stucco di Sant’Agostino, Santa Monica e Santa Maria Egiziaca, che tutt’ora rappresenta l’unico ambiente rimasto integro del monastero dopo il suo adattamento a sede dell’Ospedale Ascalesi. Quando fu terminato l’Ospedale, negli anni Trenta, fu intitolato all’ancora in vita – caso più unico che raro – cardinale Alessio Ascalesi per il sostegno offerto durante la costruzione dell’ospedale ma anche per il suo noto impegno civile. Di fronte all’ingresso dell’ospedale vi è l’antica fontana della Scapigliata, dalla forma ellittica, venne eretta attorno al 1540 su disegni di Giovanni Merliano da Nola e per volontà del viceré Don Pedro de Toledo e il suo nome deriva dal particolare getto d’acqua che fuoriusciva e andava ad infrangersi sulla pietra a forma di scoglio posta al centro della vasca.

Chiesa di Santa Maria Egiziaca a Forcella, Corso Umberto I, 208, Napoli
Appuntamento fuori alla chiesa alle ore 10.45
Durata: 1h circa
Il contributo servirà a sostenere le attività dell’Associazione culturale Respiriamo Arte e l’attività di restauro di un opera d’arte della Chiesa di Santa Maria Egiziaca. 

Per info e prenotazioni : respiriamoarte@gmail.com / 3314209045

SABATO 16 NOVEMBRE – ORE 10:30

MIRO’ AL PAN: IL LINGUAGGIO DEI SEGNI

Joan Mirò arriva a Napoli: la Cooperativa SIRE vi invita al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli a scoprire il mondo fantastico, onirico, febbrilmente creativo dell’artista catalano. Il percorso espositivo riunisce ben ottanta opere tra quadri, disegni, sculture, collage e arazzi, tutte provenienti dalla straordinaria collezione di proprietà dello Stato portoghese in deposito alla Fondazione Serralves di Porto. Le opere esposte coprono il lungo arco della produzione artistica di Miró, dal 1927 al 1986, un racconto sull’evoluzione dello stile di questo straordinario artista: l’esposizione offre al pubblico l’opportunità di ripercorrere, tappa per tappa, il cammino artistico dell’artista spagnolo, esplorando i momenti nodali del suo percorso, evidenziandone mutamenti ed elementi di continuità.  

PROGRAMMA

ore 10:30 appuntamento all’ingresso del PAN – Palazzo delle Arti di Napoli – via dei Mille n. 60

ore 12:30 conclusione attività

INFO E PRENOTAZIONI 392 2863436 


SABATO 16 NOVEMBRE – ORE 16:00 

L’Ospedale delle Bambole sarà lieto di ospitare un evento unico e straordinario. Protagonisti i bambini che potranno toccare con mano alcuni dei materiali che ogni giorno noi utilizziamo. Un momento non solo ludico ma anche di conoscenza del lavoro manuale e una importante occasione per liberare la propria creatività. I più piccoli, accompagnati da un adulto,
saranno prima i protagonisti di una visita guidata all’interno del mostro museo e del nostro laboratorio, poi, in base a quanto appreso, potranno creare la loro bambola o il loro orsetto preferito. I più piccoli
saranno, poi, protagonisti di una piccola gara in cui saranno tutti vincitori di un dolcissimo premio da consumare in compagnia tra le mura di un luogo ricco di storia, di ricordi e di passione. L’evento, però,
ha un numero di posti limitati ed è, quindi, richiesta la prenotazione.
Per info: 081/18639797
ospedaledellebambole@gmail.com