Sabato 20 Aprile ore 10.00

L’OZIO DEGLI IMPERATORI: LA GROTTA DI SEIANO E IL PARCO ARCHEOLOGICO DEL PAUSILYPON 

Il percorso di visita partirà dalla Grotta di Seiano, che si apre al termine della Discesa Coroglio. L’imponente grotta, in realtà una galleria artificiale realizzata in epoca romana dall’architetto Lucio Cocceio, obliata dal tempo e dall’accumulo di materiali, fu scoperta per caso nel 1840 e riattivata per interessamento di Ferdinando II di Borbone. Il traforo, della lunghezza di circa 780 m, attraversa la collina tufacea di Posillipo, collegando l’area di Bagnoli e dei Campi Flegrei con il Vallone della Gaiola. Superata la grotta, accederemo all’area della villa di Pollione, comprendente i resti di un teatro maggiore, la cui gradinata è costruita sfruttando il pendio della collina, secondo un collaudato schema costruttivo tipico dei teatri greci. Un giardino porticato divide la scena del teatro maggiore da un secondo teatro, di dimensioni minori e coperto: l’Odeion, destinato alle audizioni di poesia e musica. Presenta anch’esso una cavea, ovviamente più piccola, alcune sale con pavimenti a mosaico e in marmo e resti di rivestimenti parietali dipinti. La disposizione delle varie strutture sfruttava al meglio l’esposizione del sito per offrire una panoramica spettacolare.

PROGRAMMA

10:00 – Raduno partecipanti presso lo spiazzo adiacente la Grotta di Seiano (piccolo belvedere a pochi metri dall’ingresso) – discesa Coroglio 36 – Napoli

12:00 – Fine della visita guidata 

CON CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO

INFO E PRENOTAZIONI 392 2863436


Sabato 20 aprile, alle ore 10.30, dal Madre partirà una visita guidata organizzata nell’ambito di MA-Ma Tour, che condurrà i partecipanti dalle opere di Mapplethorpe fino alle sale del MANN, dove è in corso la mostra Canova e l’antico; in entrambi i musei sarà possibile usufruire della tariffa ridotta, pagando rispettivamente 3 e 7,50 euro. 


Sabato 20 Aprile ore 15.30

Il Cristo Velato e i suoi misteri

Il Cristo velato è una delle opere più note e suggestive al mondo.
Il principe Raimondo di Sangro incaricò un giovane artista napoletano, Giuseppe Sanmartino, di realizzare “una statua di marmo scolpita a grandezza naturale, rappresentante Nostro Signore Gesù Cristo morto, coperto da un sudario trasparente realizzato dallo stesso blocco della statua”. E tanti sono gli enigmi e i misteri che ruotano attorno alla realizzazione della statua, e della intera cappella che la ospita.

Prenotazione obbligatoria al 329.2027359 (tel -sms-whatsapp)
Gruppo a NUMERO CHIUSO – max 25 persone
Contributo guida più Ticket ingresso Cappella Sansevero


Sabato 20 aprile visita guidata stazioni Toledo, Municipio e Garibaldi
Appuntamento ore 10.00 atrio stazione Toledo.

E’ richiesto il titolo di viaggio
Durata: 90 minuti ca.

La metropolitana dell’arte di Napoli con la spettacolarità degli ambienti di viaggio e la varietà delle opere rappresenta il più grande museo di arte contemporanea diffuso nel sottosuolo, tappa culturale obbligata per milioni di visitatori. L’Azienda Napoletana Mobilità con i servizi educativi Metro Art , curati da un team di specialisti del settore, da oltre un decennio promuove e valorizza questo ricco patrimonio di arte e architettura.

Visita con contributo: http://metroart.eventbrite.com/