Sabato 18 maggio 2019 ore 17.00

Canova al Mann

Mostra-evento che porta a Napoli da tutto il mondo le più belle opere e capolavori in marmo dello scultore neoclassico: Antonio Canova (1757-1822), il genio neoclassicista in un’eccezionale esposizione resa possibile dalla collaborazione tra il MIBAC-Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo, che presenta 12 grandi marmi e più di 110 opere (oltre la più famosa “Tre Grazie”, calchi in gesso, bassorilievi, modellini e disegni) di straordinario rilevo per un’esperienza unica.

Definito il “nuovo Fidia”, a soli 18 anni si confronta con gli artisti più impartiti dell’epoca del neoclassicismo europeo. Le sue pere si contraddistinguono per l’eleganza delle forme, la bellezza e la semplicità delle figure. Distaccandosi dal barocco, libera la figura umana da tutti i drappeggi del periodo per riscoprirla nella sua essenza più vera e nel candore del marmo. Il legame dello scultore con la Napoli dei Borbone è testimoniato, tra le altre opere, dalla statua gigantesca di re Ferdinando I delle Due Sicilie esposta in maniera permanente al Museo Archeologico di Napoli, in cui il sovrano come minerva è rappresentato alla miera delle statue imperiali romane avvolto in un mantello e con il capo coperto dall’elmo di Atena.

Quando: sabato 15 giugno 2019, 17:15 accoglienza, 17:30 ingresso

Prenotazione obbligatoria su: www.sitireali.it/canova-e-lantico/


Sabato 18 maggio 2019 ore 10.15

Domenico Cirillo, il medico di Corte alla Reggia di Portici

IL MEDICO DI CORTE ALLA REGGIA DI PORTICI

La Reggia di Portici è lieta di invitarvi alla visita guidata-teatralizzata, dedicata alla memoria di Domenico Leone Cirillo, uno dei più grandi e dimenticati personaggi della storia partenopea. Medico, scienziato, botanico e divulgatore tra i più grandi del suo tempo, Cirillo, nato a Grumo Nevano, fu medico di corte di re Ferdinando IV di Borbone. Innamorato del popolo napoletano e desideroso di migliorare le condizioni sociali della gente, animato da senso di giustizia, aderì alla causa rivoluzionaria dei moti del 1799, seguendola fino alle estreme conseguenze.

La visita comprenderà un percorso attraverso il Bosco superiore della Reggia, dove si rievocheranno i successi medici e botanici di Cirillo, le sue scoperte che ne fecero un uomo troppo moderno per il suo tempo.

Seguirà una rievocazione in costume dei momenti più drammatici della sua vita, nella splendida cornice delle Sale affrescate della Reggia. Venite ad ascoltare la voce di un grande sconfitto che parla ancora con coraggio ai nostri tempi.

APPUNTAMENTO

ore 10:15 presso la biglietteria della Reggia di Portici, via Università 100

ore 10:30 inizio dello spettacolo

DURATA: 2 ore circa 

*I partecipanti potranno visitare dopo l’evento l’Appartamento storico e l’Herculanense Museum previa esibizione del biglietto.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
081 2532016 (martedì – venerdì 9,30-13,30)
prenotazioni@centromusa.it (Inviare nome, numero di partecipanti e numero di cellulare di riferimento per eventuali comunicazioni).
COME RAGGIUNGERCI
In treno: circumvesuviana fermata Portici-via Libertà o FS fermata Portici-Ercolano
In auto: uscita Ercolano scavi dell’autostrada A3 Napoli-Salerno.

PARCHEGGIO INTERNO GRATUITO


SABATO 15 GIUGNO ORE 10.30

SAN GIOVANNI A CARBONARA, PORTA CAPUANA E LE SUE CHIESE + DEGUSTAZIONE BABA’
Appuntamento alle ore 10.00 all’ingresso della chiesa di San Giovanni a Carbonara
Noi di Addovà vogliamo raccontarvi la storia di quest’ area tra le più belle e meno visitate della città, dalla maestosa chiesa di San Giovanni a Carbonara alla poco conosciuta chiesa di Santa Caterina a Formiello, attorniata dalla Porta Capuana e dal Lanificio Borbonico.
Il tour terminerà ai piedi del Castel Capuano, antico castello napoletano custode di segreti e cruente vicende della Napoli di un tempo.
Tra una tappa e l’altra, obbligatoria la nostra sosta alla storica pasticceria “Il Capriccio”, dove vi offriremo come da tradizione, il re della pasticceria napoletana: il babà!
Durata tour 2 ore circa
Con contributo a persona per la visita guidata / ingresso al sito gratuito

Info: 3711300813


SABATO 15 GIUGNO ORE 18.00

ARTE SVELATA: DAL CRISTO VELATO A SPACCANAPOLI AL TRAMONTO

Appuntamento  alle ore 18.00 in Piazza San Domenico Maggiore

Addovà tour vi accompagna alla scoperta di alcuni fra i luoghi luoghi più magici e misteriosi che esistano in città: la Cappella Sansevero, piazza del Gesù e piazza San Domenico, luoghi carichi di mistero e magia, di esoterismo e bellezza, che vi invitiamo a scoprire un pò alla volta insieme a noi.

Durata tour: 2 ore circa

Con contributo a persona

Info: 3711300813


SABATO 15 GIUGNO ORE 18.30

IL SOTTOSUOLO DI NAPOLI: TOUR SERALE ALLA PIETRASANTA

Appuntamento alle ore 18.30 all’ingresso del sito

Un percorso inedito nato dalla collaborazione tra Addovà Tour ed il Polo culturale Pietrasanta, che vedrà i visitatori scendere all’interno del ventre della città, alla scoperta della sua storia passata e recente: dalla fondazione di Neapolis alla seconda guerra mondiale, tra antichi resti di epoca romana, reperti provenienti dal museo archeologico nazionale e da più recenti aree di scavo.

Durata tour 2 ore circa – Con contributo a persona

Info: 3711300813


Sabato 15 giugno alle 11.30 ed alle 16.00

 “Le bambole di Elena Ferrante”

L’Ospedale delle Bambole presenta un evento unico nel suo genere: “Le
bambole di Elena Ferrante”.
In occasione delle riprese tenutesi per le vie di Napoli e del grande
successo del libro, il nostro museo offre ai visitatori la possibilità
di immergersi in un mondo antico e arcano, quello delle bambole. In
uno dei capitoli del primo libro, chiamato appunto “Le Bambole”, le
due protagoniste, Lila e Lenù, giocano con i loro balocchi: un gioco
che le unirà per sempre.
L’Ospedale delle Bambole, fin dalla fine dell’Ottocento, ha sempre
dedicato alla bambola la giusta dignità che merita, riportandone in
auge il valore e la bellezza. Grazie a “L’amica geniale”, questo
meraviglioso sentimento è tornato attuale.
Il nostro Ospedale vi aspetta, dunque, sabato 15 Giugno, alle 11,30 ed
alle 16,00, per accompagnarvi in una retrospettiva sul valore della
bambole.
Verrà, inoltre, offerto un dolce tipico napoletano, presente anche
all’interno del libro della Ferrante.

Il prezzo include la visita guidata al museo e al laboratorio di
restauro, con dolce in chiusura.

Ospedale delle bambole
Scuderie di Palazzo Marigliano
via San Biagio dei Librai, 39 – Napoli


SABATO 15 GIUGNO – ORE 10:30

 COMPLESSO MONUMENTALE DI SANTA MARIA LA NOVA: L’ARTE RINASCIMENTALE…E IL MISTERO DELLA TOMBA DI DRACULA

La visita guidata al Complesso di Santa Maria la Nova, nel centro storico di Napoli, ci condurrà alla scoperta dell’antico convento che ospita al suo interno notevoli opere dei piu’ celebri artisti della Napoli di fine Cinquecento e inizio Seicento. La chiesa, detta la Nova per distinguerla da quella che un tempo sorgeva nel luogo dove venne poi edificato Castel Nuovo, venne fondata in stile gotico dai Frati Minori nell’ultimo quarto del Duecento sul terreno donato loro da Carlo I d’Angio’ nel 1279 e fu completamente rifatta a partire dal 1596. Da segnalare, tra le innumerevoli bellezze artistiche racchiuse nella chiesa, vi è sicuramente lo splendido soffitto a cassettoni in legno dorato, nel quale sono incassate quarantasei tavole dipinte, fra il 1598 e il 1603, dai più importanti artisti napoletani dell’epoca, vera e propria antologia della pittura napoletana prima di Caravaggio. Dell’antico complesso conventuale visiteremo inoltre il chiostro di San Giacomo, che presenta volte affrescate e numerosimonumenti funerari lungo le pareti. In particolare, il chiostro piccolo è collegata alla recente ricerca avviata su una tomba nella quale studiosi internazionali sostengono che sia sepolto il conte Dracula. La vicenda ha già attirato un enorme numero di visitatori a caccia della tomba del conte.

PROGRAMMA

10:30 Appuntamento con gli operatori SIRE Coop presso Largo Santa Maria la Nova, Napoli

12:30 Conclusione delle attività

INFO E PRENOTAZIONI 392 2863436


SABATO 15 GIUGNO – 10:30 

MERAVIGLIE TRECENTESCHE: LA CHIESA DI SAN GIOVANNI A CARBONARA

La visita riguarderà la Chiesa trecentesca di San Giovanni a Carbonara, tra le più ricche di opere d’arte della città, ubicata nell’omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei rifiuti inceneriti. La fondazione del monastero e della chiesa va collocata tra gli anni 1339 e 1343 quando Gualtiero Galeota dona agli Agostiniani un suolo fuori le mura denominato ad carbonetum.

Nel 1399, con l’arrivo di re Ladislao di Durazzo a Napoli, ha inizio un completo rifacimento che conferisce alla chiesa l’aspetto attuale. Alla morte di Ladislao nel 1414, per volere della sorella Giovanna si eleva nel presbiterio della chiesa il monumento funebre del sovrano. Nel 1427, voluta da Sergianni Caracciolo, viene costruita lacappella della Natività dei Caracciolo del Sole, aggiunta al muro di fondo della chiesa gotica. La visita offrirà quindi anche l’occasione per ripercorrere il tormentato amore della regina  Giovanna II e del suo amante, assassinato per una pugnalata nel 1432 in Castel Capuano. Per tutto il XVI e il XVII secolo la chiesa si arricchirà di sepolture e monumenti di notevole qualità plastica. Nel Settecento l’architetto Ferdinando Sanfelice, che lavorerà a lungo anche nell’annesso convento, aggiunge all’antica chiesa la cappella per Gaetano Argento nella quale costruirà anche il sepolcro.

Per l’esterno la soluzione sanfeliciana prevedeva una scala a doppia rampa con la quale l’architetto risolse il problema dei dislivelli fra la strada e i diversi ingressi degli edifici, chiesa della Consolazione e cappella di Santa Monica, che formano la complessa struttura architettonica.

 PROGRAMMA

10:30 – Raduno partecipanti presso l’ingresso della chiesa in via San Giovanni a Carbonara, 5 – Napoli

12:30 – Fine della visita guidata

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436