SABATO 8 FEBBRAIO – ORE 10:30

Visita guidata al Palazzo Reale di Napoli

Residenze Reali del Regno di Napoli. La storia di ogni Regno che si rispetti può essere compresa attraverso lo studio delle dimore in cui Re e Regine ne hanno deciso le sorti.
Alla fine del ‘500 la possibile visita del Re Filippo III a Napoli creò una certa agitazione. La capitale del Viceregno non aveva, infatti, un luogo adatto per poter ospitare uno degli uomini più potenti; dopo innumerevoli ripensamenti il vicerè don Fernando commissiona nel 1600 a Domenico Fontana, “ingegnere maggiore” del vicereame, un nuovo Palazzo Reale per l’illustre ospite.
Respiriamo Arte vi accompagnerà sala per sala, mostrando i dettagli dei quadri, delle stoffe e degli arredi di uno dei palazzi più ricchi di Napoli: ammireremo il maestoso teatrino di corte, gli appartamenti reali e la splendida Sala del Trono. Il tour si concluderà nella Cappella palatina che custodisce il prezioso altare di Dioniso Lazzari: un’esplosione di lapislazzuli, agate, ametiste e diaspri.

Quando: sabato 8 febbraio  ore 10.30
Dove: ingresso principale Palazzo Reale di Napoli (Piazza del Plebiscito)
Durata: 1 ora e 30 circa (inizio visita ore 10.45)
Gratis per bambini fino ai 10 anni.

Prenotazione obbligatoria: 3314209045 –  respiriamoarte@gmail.com


SABATO 8 FEBBRAIO – ORE 10:30

 LA REGIO FURCILLENSIS – CHIESA DI SAN GIORGIO MAGGIORE E FORCELLA TRA ARCHEOLOGIA E STREET ART 

Un tour tra arte, archeologia e street art che avrà inizio da uno dei pochi esempi di arte paleocristiana a Napoli: la Chiesa di San Giorgio Maggiore, costruita tra la fine del IV secolo e gli inizi del V secolo e detta inizialmente “la severiana“, perché voluta dal vescovo San Severo di Napoli. L’ingresso principale della chiesa è da piazza Crocelle Mannesi e presenta l’antica abside formata da un semicatino su tre archi impostati su due colonne, con capitelli corinzi di materiale di spoglio. Rifatta nel XVIII secolo da Cosimo Fanzago, in origine a tre navate, attualmente ne presenta solo due, in quanto la navata di destra fu distrutta a seguito dell’ampliamento di via Duomo nel XIX secolo. Nell’area retrostante l’altare, dietro l’opera seicentesca di Alessio d’Elia rappresentante “San Giorgio e il drago” si è scoperto, in seguito ai restauri degli anni Novanta, un’ulteriore rappresentazione di poco precendente, un affresco dallo stesso soggetto attribuito ad Aniello Falcone! La visita sarà poi l’occasione per scoprire le più importanti evidenze artistiche di Forcella: dal recente murales di Jorit ispirato alle persone del popolo, come faceva Caravaggio, ai resti della murazione greca, passando per l’antica chiesa di Santa Maria a Piazza (esterno) in via vicaria Vecchia, così chiamata perché sorge in quella che al tempo era una delle maggiori piazze di Napoli, dove era sito il sedile di Forcella.

10:30 – Raduno dei partecipanti davanti alla chiesa di San Giorgio Maggiore (incrocio tra via Duomo e Forcella)

12:30 – Fine della visita guidata

INFO E PRENOTAZIONI 392/2863436


SABATO 8 FEBBRAIO – ORE 10:45 

SURRENTUM – VACANZE DA IMPERATORI: VILLA FONDI A PIANO DI SORRENTO 

La visita riguarderà Villa Fondi, a Piano di Sorrento, e il suo Museo. Costruita nel 1840 dal Principe di Fondi don Giovanni Andrea De Sangro in stile neoclassico, la splendida struttura è preceduta da un ampio parco costruito su di un suggestivo costone tufaceo a picco sul mare, da cui si gode di un fantastico panorama sul golfo. La villa, acquistata dal comune di Piano di Sorrento, oggi ospita il Museo Archeologico Territoriale della Penisola sorrentina George Vallet che custodisce reperti dal II millennio a.C. al l’età romana. Ville marittime che le élite imperiali romane avevano costruito in tutto il golfo di Napoli erano affacciate su panorami mozzafiato, sontuosamente decorate. Da quella che si trovava tra Capo di Massa e Punta Campanella arriva uno dei riferimenti più celebri, il raffinato Ninfeo databile intorno al 50 d.C. che, con una complessa rappresentazione a mosaico di un giardino fiorito popolato di uccelli, pesci e natura morta, alternava nicchie dalle pareti a fontane e zampilli. Esposto fino ad ora in parte nei giardini della villa, la parte mancante è finalmente esposta per la prima volta in Penisola Sorrentina, all’interno del museo. Un’installazione multimediale molto suggestiva ricostruisce per intero l’effetto che doveva avere al tempo, tra colori vividi e cascate d’acqua. Il Ninfeo sarà una delle tappe della visita all’intero museo e alle magnifiche testimonianze custodite

10:45 – Appuntamento al cancello di ingresso del parco del Museo (Villa Fondi) –

Via Ripa di Cassano, 1, 80063 Piano di Sorrento NA

12:45 – Fine della visita guidata

COME ARRIVARE

CON LA CIRCUMVESUVIANA_Linea Napoli-Sorrento, fermata “Piano di Sorrento”. Consigliamo il treno con partenza da piazza Garibaldi alle ore 9:09 e arrivo alle ore 10:13. Il museo dista circa 15 minuti a piedi dalla fermata. Da ia della stazione percorrere via San  Michele e via Francesco Ciampa fino al belvedere di via Ripa di Cassano, dove c’è l’ingresso della Villa.

IN AUTO_Autostrada A3 (uscita Castellammare di Stabia), Stada Statale 145 “Sorrentina”.

Possibilità di parcheggio custodito a pagamento a pochi metri dall’ingresso della villa (in via delle Rose) 

INFO E PRENOTAZIONI 392/2863436


DOMENICA 9 FEBBRAIO 2020

CASANOVA a PORTICI COSÌ FECE! 

Per amore, per passione, per seduzione. Casanova, il più celebre amante della storia ritorna a Portici.
Rubacuori galante e agile funambolo, Casanova entra in scena tra le sale della Reggia di Portici con uno spettacolo itinerante che racconterà dei suoi viaggi e dei suoi soggiorni a Napoli (3 febbraio 1743; 3 gennaio 1761).
Tra chiacchiere e danze storiche per il Carnevale ormai alle porte, Casanova, in età matura, ci racconterà i momenti salienti della sua vita di libertino e di scrittore: corteggiò nobili, suore e cameriere, viaggiò in lungo e in largo per l’Europa, fu uno dei personaggi più poliedrici e complessi del Settecento italiano.
DURATA: circa 2 ore.
DATA: domenica 9 ore 10:30
ETÀ CONSIGLIATA: bambini ed adulti
GRATUITO: UNDER 6
PERCORSO: SCALONE MONUMENTALE, ANTICAMERE AFFRESCATE, MUSEO ERCOLANENSE E SALA DEL CONSIGLIO.
Gli eventi si effettueranno al raggiungimento del numero minimo di partecipanti,
pertanto la PRENOTAZIONE è OBBLIGATORIAprenotazioni@centromusa.it

APPUNTAMENTO presso la biglietteria del Centro Musa in via Università 100, Portici
PARCHEGGIO INTERNO gratuito

Centro MUSA – “Musei delle Scienze Agrarie” – Università degli Studi di Napoli “Federico II”, Reggia di Portici

Via Università 100 Portici (NA)

info e prenotazioni: tel: 081/2532016


Domenica 9 febbraio ore 11:00

Frammenti geniali – Tour tra le pagine di Napoli

Ritorna “Frammenti geniali”, il primo RoadBook ideato da NarteA per condurre i visitatori di Napoli sulle tracce delle protagoniste del romanzo di Elena Ferrante. Il tour letterario parte da piazzetta Olivella, fermata Montesanto della metropolitana. L’itinerario è ispirato alla città raccontata nel romanzo, che con la sua rete di vicoli rispecchia l’intrico di sentimenti contrastanti di Elena e Lila. La spiegazione dei luoghi è affidata a una guida, ma rimbalza continuamente con il viaggio emotivo e di crescita delle ragazze del rione. Il percorso è veicolato anche da un piccolo libretto con mappe e foto storiche della città. Per partecipare all’evento è necessaria la prenotazione ai numeri 339 7020849 o 333 3152415.

Punto di partenza ideale è il rione, mai nominato nel libro, matrice positiva e negativa, dentro il quale e lontano dal quale le vite di due bambine, poi diventate ragazzine e infine donne, si incrociano e si mescolano, in un misto di vicinanza e lontananza, radicamento e sradicamento, alto e basso. Punto di partenza reale per i visitatori saranno invece i luoghi della libertà: quelli delle prime uscite, degli studi, della crescita, del lavoro. Da Montesanto — la zona dove presumibilmente arrivano con la metro, quando per la prima volta le due ragazze insieme agli amici si allontanano dal rione —, ci si introduce lungo la Pignasecca e da lì verso l’asse di Toledo, proseguendo fino a via Chiaia, la strada dei ricchi e dei negozi lussuosi, arrivando all’altezza del ponte di Chiaia, che collega la zona di San Carlo alle Mortelle con la collina di Pizzofalcone. Il tour prosegue ancora verso palazzo Cellammare — superba dimora storica che ospitò artisti del calibro di Goethe, Torquato Tasso, Caravaggio, Angelica Kauffmann, Casanova, Basile, Caccioppoli —, per arrivare fino a piazza dei Martiri, dove il racconto colloca il grande negozio di scarpe dei Solara, e giù fino a via Caracciolo, la strada che affaccia sul mare.


DOMENICA 9 FEBBRAIO – ORE 10:30

NAPOLI INCONSUETA: DALLA CHIESA DI GESU’ E MARIA A PONTECORVO ALL’ACQUEDOTTO…IN UN HOTEL!                    

La cooperativa Sire invita tutti a scoprire la zona compresa tra Pontecorvo e il cosiddetto Cavone con l’attenzione rivolta in particolare a due siti poco conosciuti: la chiesa di Gesù e Maria ed un tratto dell’acquedotto del Serino…in un’ambientazione insolita. Partendo da piazza Mazzini, si andrà alla scoperta della chiesa di Gesù e Maria, opera cinquecentesca di Domenico Fontana, una imponente struttura con all’ingresso un busto seicentesco della Madonna col Bambino. Tra le opere presenti all’interno, scampate al passare del tempo e alla razzia dei predatori, vi sono affreschi di Giovanni Bernardino Azzolino e di Belisario Corenzio. La chiesa, aperta solo occasionalmente, sarà visitabile grazie alla disponibilità dell’Associazione Euforika Napoli, alla quale è stato affidato il sito. Da salita Pontecorvo si passerà a quella detta “del Cavone”: la zona si è formata attraverso l’attività erosiva secolare delle acque piovane che hanno così determinato le condizioni ottimali per la nascita, in età vicereale, di cave per l’estrazione del tufo, da cui il nome della strada. Qui, quasi in prossimità di Piazza Dante, all’interno di un hotel, si potrà visitare un tratto dell’antico acquedotto greco-romano di Neapolis, lungo il quale è ancora possibile vedere i segni lasciati nella parete dai cavamonte per la realizzazione della struttura.

PROGRAMMA

10:30 Raduno partecipanti a piazza Mazzini – Napoli

12:30 conclusione attività

durata: 2 ore circa

INFO E PRENOTAZIONI3922863436


DOMENICA 9 FEBBRAIO –  ORE 11:00

 ANTIGNANO E SAN GENNARO: IL BORGO DI ANTIGNANO E I LUOGHI DEL SANTO 

La Cooperativa SIRE vi propone un percorso tra le strade del Vomero alla ricerca delle sue radici storiche, incrociando luoghi legati al culto del Santo patrono di Napoli che proprio in collina testimoniano alcuni momenti importanti del fortissimo legame con la città e i suoi abitanti. Un itinerario che condurrà tra le strade di quello che era l’antico borgo di Antignano, nucleo rurale che si trovava lungo la strada che in antichità collegava Napoli e Pozzuoli e che nel Medioevo si trasforma in uno dei casali della città. Un nucleo antico che si lega alla storia di SaGennaro , il cui culto trova tra queste strade momenti di intensa devozione, testimoniata da diverse opere che oggi si trovano immerse nella città moderna ma legate alla vicenda millenaria del Santo.

PROGRAMMA

ore 11:00 Appuntamento a Piazza Vanvitelli, incrocio via Bernini (vicino all’uscita delle metropolitana, lato negozio ORMA)

ore 12:45 Conclusione delle attività

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436