Libera, Associazioni nomi e numeri contro le mafie, insieme ad altre realtà associative, ogni anno, nel primo giorno di primavera, il 21 marzo, ricorda le vittime innocenti delle mafie, perché si rinnovi la primavera della verità e della giustizia sociale.  

In Terra di Lavoro, questo avvenimento coincide anche con l’anniversario della morte di Don Peppe Diana e degli eventi realizzati per ricordarne l’impegno ed il sacrificio. 

Le Acli di Caserta hanno aderito alle manifestazioni promosse perché realizzano momenti collettivi di memoria ed impegno civile, segnali apprezzabili per la lotta alla legalità insieme ai familiari delle vittime, studenti e associazioni, istituzioni e cittadini. Le Acli di Caserta hanno partecipato, in particolare, nella mattinata di sabato 20 marzo, alla lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie, presso la Sala Consiliare della Provincia di Caserta. 

Le Acli di Caserta sono disponibili a dedicarsi alla realizzazione di un tessuto associativo fertile che può essere luce e calore per crescere la nostra Provincia.  Le reti popolari, creando spazi inclusivi, favoriscono la produzione di beni comuni. La presenza vitale di organizzazioni sociali e culturali contribuisce alla sicurezza dei cittadini. Le azioni di contrasto alla criminalità non possono prescindere dalla produzione di capitale sociale e dalla costruzione di relazioni virtuose. Le iniziative di comunità incoraggiano il progresso umano ed economico.