Avvenne il 9 agosto: 1991  Il giudice solo: così  era stato ribattezzato il magistrato Antonio Scopelliti, ucciso in un agguato di mafia a pochi chilometri da Villa San Giovanni, in Calabria, mentre era alla guida della sua auto. Nativo di Reggio Calabria, dove nasce nel 1953, era tornato nella sua regione per trascorrere le vacanze. Come Sostituto Procuratore Generale presso la Suprema Corte di Cassazione, avrebbe dovuto rappresentare l’accusa contro gli imputati del maxiprocesso di mafia a Palermo. Secondo i pentiti della ‘ndrangheta Giacomo Lauro e Filippo Barreca, sarebbe stata la cupola di Cosa Nostra siciliana a chiedere alla ‘ndrangheta di uccidere Scopelliti, che, in cambio del ”favore” ricevuto, sarebbe intervenuta per fare cessare la ”guerra di mafia” che si protraeva a Reggio Calabria dall’ottobre 1995, quando fu assassinato il boss Paolo De Stefano. Nel 2001, la Corte d’ Assise d’Appello di Reggio Calabria assolve Bernardo Provenzano, Giuseppe e Filippo Graviano, Raffaele Ganci, Giuseppe Farinella, Antonino Giuffrè e Benenetto Santapaola dall’accusa di essere stati i mandanti. L’omicidio Scopelliti rimane impunito.

Segno zodiacale: Leone

leone

Si festeggia il 9 agosto: Santa Candida, San Fermo, San Romano, Santa Teresa Benedetta della Croce, San Maurilio da Rouen, San Rustico, San Nicola Greco Archimandrita

Santa Virginia Centurione Bracelli fondatrice

Nati il 9 agosto: 1939 Romano Prodi, politico e economista italiano; 1953 Clemente Mimun, giornalista italiano; 1956 Gianfelice Imparato, attore, commediografo e regista italiano; 1957 Melanie Griffith, attrice statunitense; 1960 Barbara De Rossi, attrice e conduttrice televisiva italiana; 1973 Filippo Inzaghi, allenatore di calcio e ex calciatore italiano

Aforisma: “Entrare a far parte della mafia equivale a convertirsi a una religione. Non si cessa mai di essere preti. Né mafiosi”.

Giovanni Falcone

Giovanni Falcone