Avvenne il 26 ottobre: 1860 Giuseppe Garibaldi e Vittorio Emanuele II si incontrano a Teano. Al generale, che gli consegna il Regno delle Due Sicilie conquistato alla testa dei Mille, e lo saluta Re, Vittorio Emanuele II chiede di fermare la conquista, per scongiurare un possibile intervento di Napoleone III in Italia. Garibaldi ottiene che i suoi volontari entrino nell’esercito regolare sardo, con il medesimo grado rivestito nella spedizione. Termina così l’Impresa dei Mille

1954 Cava de’ Tirreni

1954 E’ un risveglio tragico per gli abitanti della costiera amalfitana, fra Cava de’ Tirreni, Maiori, Minori e Vietri sul Mare. Nella notte, un violento nubifragio si è abbattuto sulla zona. Fiumi di fango trascinano a valle case, aprono voragini, fanno crollare ponti. Una frana, staccatasi dal pendio di un monte appena disboscato, si abbatte sulla frazione di Molina di Vietri e la spazza via. I morti saranno 318. La devastazione sarà tale da cambiare l’aspetto della costa.

Segno zodiacale: Scorpione

Scorpione-586x439

Si festeggia il 26 ottobre: San Folco Scotti di Piacenza e Pavia, San Gaudioso di Salerno, Sant’Amando di Strasburgo, San Mercuriale, San Cedda, Santi Luciano e Marciano

san giovanni battista caravaggio

Nati il 26 ottobre: 1940 Fabrizio Cicchitto, politico italiano; 1940 Gianpaolo Tosel, magistrato italiano; 1947 Hillary Clinton, politica e avvocatessa statunitense; 1960 Carlo Lucarelli, scrittore, regista e sceneggiatore italiano; 1967 Michela Vittoria Brambilla, politica e imprenditrice italiana; 1969 Saturnino, bassista, compositore e produttore discografico italiano; 1979 Silvia Toffanin, conduttrice televisiva, modella e giornalista italiana; 1981 Ciro Esposito, attore italiano; 1985 Kafoumba Coulibaly, calciatore ivoriano

Aforisma: “Le montagne ci danno certo l’idea della potenza della natura, ma non di una provvidenza benefica. Di quale utilità sono esse per gli uomini? Se l’uomo imprende di abitarvi, una valanga d’inverno e una frana d’estate seppelliranno o travolgeranno la sua casa; il torrente gli porta via le greggi, le bufere i granai.”

Johann Wolfgang Goethe

goethe