Avvenne il 15 febbraio: 1898  Nasce a Napoli il Principe Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio, nome d’arte Totò. Tra i più grandi attori comici italiani, intraprende la carriera teatrale nel varietà. Trasferitosi a Roma, conosce il successo: il suo personaggio, quasi una marionetta in bombetta e tight, diviene presto popolare. Nel 1947, Totò sfonda anche nel cinema con “I due orfanelli”. Inizia per lui una nuova vita professionale, che lo porterà a essere protagonista di quasi un centinaio di film. Muore a Roma il 15 Aprile 1967.

Segno zodiacale: Acquario

Si festeggia il 15 febbraio: San Decoroso di Capua, San Claudio de la Colombiere, Sant’Euseo di Serravalle Sesia, Santi Faustino e Giovita, Santa Giorgia, Santi Isicio, Giuseppe di Roma, Zosimo, Baralo e Agape martiri, Sant’Onesimo, San Quinidio, San Severo, San Sigfrido di Växjö, San Wilfrido della Gherardesca

San Leucio

Nati il 15 febbraio: 1935 Cesare Geronzi, banchiere e dirigente d’azienda italiano; 1937 Fausto Cigliano, cantante e chitarrista italiano; 1941 Florinda Bolkan, attrice brasiliana; 1950 Franco Oppini, cabarettista e attore italiano

Aforisma: “Io non rubo, integro. D’altra parte in Italia chi è che non integra?

A proposito di politica, ci sarebbe qualche cosarellina da mangiare?”

Principe Antonio De Curtis di Bisanzio, nome d’arte Totò in “Fifa e arena” del 1948

Totò in “Fifa e arena