Non riparte domani, per la Carpisa Yamamay Acquachiara, soltanto il campionato di A1 dopo la sosta per la festività natalizie. Si riapre anche il capitolo europeo, a Belgrado la Len effettuerà il sorteggio delle semifinali di Euro Cup. Nell’urna ci saranno anche Posillipo, i romeni della Steaua Bucarest e i croati del Mornar Spalato, la squadra dell’ex portiere biancazzurro Miro Kacic.

Al sorteggio di Belgrado sarà presente il direttore generale dell’Acquachiara Massimo Pezzuti, che nelle sue parole esprime, crediamo, anche il pensiero della maggior parte degli appassionati di pallanuoto napoletani: “In semifinale non vorrei affrontare il Posillipo. Il Posillipo lo voglio in finale“.

Il perchè è chiaro: una finale di Euro Cup tutta napoletana sarebbe un evento eccezionale, e anche senza precedenti, non solo nella pallanuoto.

Ma domani è anche campionato, con l’ultima giornata del girone di ritorno: la Carpisa Yamamay Acquachiara gioca a Firenze (ore 17,00) contro il fanalino di coda Florentia ed ha la possibilità di effettuare il giro di boa del campionato in terza posizione: la Sport Management, che occupa il terzo posto con una sola lunghezza di vantaggio sulla formazione di Paolo De Crescenzo, affronta infatti la Pro Recco. Compito difficilissimo per la squadra di Baldineti.

Il compito dell’Acquachiara, invece, è abbastanza agevole. “Ma soltanto sulla carta”, aggiunge Massimo Pezzuti e spiega perchè: “Innanzitutto la ripresa dopo le vacanze natalizie è sempre un’incognita; poi c’è da sottolineare il fatto che, a causa dell’indisponibilità della Scandone, la nostra squadra ha potuto effettuare un solo allenamento in vasca da 50 metri, e infine abbiamo Luongo alle prese con un attacco influenzale e Paskvalin con un problema al gomito”.

E non è da sottovalutare l’exploit compiuto dalla Florentia prima della sosta: il pareggio in casa del Posillipo. Un risultato che sicuramente darà fiducia e morale alla squadra di Vannini.

Comunicato stampa Carpisa Yamamay Acquachiara