La Vita è meravigliosa – It’s a wonderful life… ed è di nuovo Natale

E’ senza dubbio il capolavoro di Frank Capra, ed il film di Natale più universalmente noto, almeno da tutti quelli appartenenti alla mia generazione, ed a quelle precedenti. Certamente uno dei film più belli e amati del cinema classico americano, tratto dal racconto The Greatest Gift, scritto nel 1939 da Philip Van Doren Stern. L’interpretazione di James Stewart è magistrale ed indimenticabile e sostiene completamente il film. La trama è molto semplice, per quelli che non la conoscessero: il film è ambientato in una piccola cittadina americana dove vive George Bailey un uomo che rinuncia ai suoi sogni per aiutare gli altri, mettendosi sempre da parte. Da bambino salva il fratello caduto in uno stagno ghiacciato, ma prende un’otite che lo rende sordo da un orecchio. Per far andare avanti la società fondata dal padre per fornire case ai meno abbienti rinuncia alla laurea. E così la sua vita procede, rinuncia dopo rinuncia; si sposa, va ad abitare in una vecchia casa umida, ha quattro figli.

imm

Per un errore lo zio che lo aiuta perde ottomila dollari che vengono trovati dal perfido finanziere Potter, che  non restituendo la somma, spinge così George al suicidio. E così arriva la notte di Natale, e durante una tormenta di neve, George si avvia verso il ponte per gettarsi nelle sue acque sottostanti. Ma dal cielo arriva un angelo, che non ha ancora le ali, ed ha il compito di salvarlo per ottenerle. Per convincerlo a non uccidersi gli fa vedere cosa sarebbe successo se lui non fosse mai nato. Così capisce di quanto la vita di un singolo individuo possa cambiare radicalmente la vita degli altri. George si convince che la vita è meravigliosa e torna ad affrontare le sue responsabilità. In uno straordinario finale, allegro e patetico insieme, il film si chiude con il suono di un campanello. È l’angelo custode che, compiuta la missione, ha ottenuto da Dio le ali, diventando angelo di prima categoria.

classic1

E’ un film che tutti abbiamo visto ogni Natale, e talvolta ci siamo sentiti anche perseguitati, ed è proprio per questo radicato nella cultura e nell’immaginario popolare di alcune generazioni. Come i film di James Bond, la commedia “Natale in Casa Cupiello”, ed altri classici, che anno dopo anno hanno programmato per televisione nel periodo natalizio, sono parte dei nostri rituali natalizi…e così facciamo ancora una volta spazio, magari per far conoscere ai più piccini, questo meraviglioso pezzo della nostra storia.

It’s a wonderful life!