La collaborazione tra il Museo Archeologico di Napoli e l’Associazione Pietrasanta Polo Culturale Onlus, ha dato vita ad un’iniziativa che vede una “Via dell’Archeologia” nel centro storico di Napoli. La prima tappa, che è stata inaugurata domenica 3 marzo, collega il Mann alla Basilica della Pietrasanta in piazzetta Pietrasanta.

L’itinerario vuole collegare il MANN con i siti archeologici più importanti della città. ”La definizione della via dell’archeologia nel centro storico è la prima tappa di un importante lavoro la cui progettazione è in corso, in collaborazione con gli enti preposti, Comune, Soprintendenza, Regione. L’obiettivo è far nascere un percorso virtuoso, dalle mura greche fino al Mann, dove è presente la sezione Neapolis, che entro il 2020 sarà rinnovata. La mostra del Mann alla Pietrasanta è appunto la prima di una serie di esposizioni che valorizzeranno anche i nostri depositi”. Ha spiegato Paolo Giulierini, direttore del Mann.

Quella della Basilica della Pietrasanta è un’esibizione che vede infatti già in mostra reperti della collezione che ha come tema la Napoli antica, nell’installazione ‘Sacra Neapolis’ presso il Lapis Museum.

Questa iniziativa è un efficace modo per far conoscere è rendere viva la storia dell’antichissima città partenopea: “La Via dell’Archeologia deve diventare una opportunità e una ricaduta favorevole per il commercio e l’artigianato di via Costantinopoli e i via dei Tribunali. Inoltre, hanno già manifestato interesse il complesso di San Lorenzo Maggiore, Sant’Aniello a Caponapoli, il Duomo e la Fondazione Banco di Napoli. L’obiettivo è quello di espandersi fino ad includere tutti i siti archeologici della città, mettere in collegamento queste realtà con opere di promozione sul prezzo, facendo biglietto integrato”. Ha dichiarato Raffaele Iovine, presidente Pietrasanta Onlus.