Il terremoto torna a far paura in Campania. Dopo la scossa di magnitudo 4.9 con epicentro tra le province di Caserta e Benevento, avvertito anche a Napoli, Avellino e Salerno, in Molise e nel Lazio, lo sciame sismico non si ferma. Continua dunque a tremare la terra e la gente, impaurita, si prepara a trascorrere la notte in strada.

In contatto con la protezione civile il Presidente del Consiglio, Enrico letta, che segue l’evolversi della situazione attraverso il Dipartimento della Protezione civile.

In serata si è tenuta una riunione d’urgenza in prefettura, per fare il punto e monitorare la situazione. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.”Nessun elemento di allarme, nessuna preoccupazione”, ha spiegato il capo di gabinetto della Prefettura, Francesco Esposito. La Sala operativa è stata attivata con la partecipazione di Comune, Regione e coi funzionari e dirigenti della Protezione civile, i vigili del fuoco, i carabinieri e la polizia. ”La situazione non desta particolari preoccupazioni, non ci sono danni a persone o cose, al di là di qualche crepa sui muri o situazioni particolari come ascensori bloccati”, ha poi concluso Esposito. Sono state potenziate le attività di monitoraggio da parte dei vigili del fuoco e domani saranno compiute alcune ricognizioni nelle scuole chiuse per le festività natalizie.