Giuseppe Miale di Mauro, eclettico artista, sensibile e attento alla Napoli contemporanea, ha deciso di mettersi a scrivere per raccontare la vita degli anti-eroi di periferia, quei piccoli criminali che trascorrono gran parte della loro vita lungo ”la strada degli americani”; uno stretto e ripetitivo tratto della circumvallazione esterna di Napoli che parte da Casoria e arriva fino a Lago Patria.
Una storia che descrive la vita di quattro piccoli criminali, quelli che la camorra brucia e consuma quelli nati dalla parte sbagliata della città, i cui destini si intersecano in un processo penale.
Vissuti intensi e difficili, la droga, il sistema, il precariato, la famiglia e le regole della strada per costruire un crimine contemporaneo.
É Napoli ma potrebbe essere Bogotà o la periferia di Marsiglia.
La scrittura intensa di Miale di Mauro ci avvolgerà, tenendoci col fiato sospeso, alternando punti di vista dei protagonisti e atti del processo. Non mancano i colpi di scena e la tensione è alta grazie alla profonda capacità di raccontare queste vite costantemente in equilibrio sul filo del rasoio.
La narrazione è serrata, la violenza (fisica e verbale) anche.
Ma la Napoli raccontata da Giuseppe Miale di Mauro in “La strada degli Americani” è anche una città dove, nonostante tutto, sopravvive e resiste la speranza della normalità.”

VENERDI’ 30 GIUGNO 2017 – h 18.00

Ne parleremo con l’autore venerdì 30 giugno ore 18:00 presso la Biblioteca di Cultura vesuviana “Sac. Giovanni Alagi” presso Villa Bruno a San Giorgio a Cremano (Via Cavalli di bronzo, 20). Accanto a noi de La Bottega delle parole gli amici di Cremano Giovani, Sire Coop, e i reporter di Terre di Campania. Non mancate!