La storia di Renato Carosone 3°puntata

…. Nonostante il grande successo avuto, Renato fu bocciato ad un provino con la Foint, un importante impresario svizzero gli disse esattamente così – ” Trovatevi un mestiere serio, lasciate perdere. ” – ovviamente Renato, Peter e Gegè rimasero male anche perché questo impresario era titolare di un gran numero di locali notturni, ma presto ebbero la loro rivincita: Sergio Bruni li presenta a Nino Oliviero, autore di successo che rimase entusiasta del trio Carosone, e nel 1950 incisero il loro primo 78 giri con la Pathè con le canzoni, tra le altre, “Oh Susanna” e “Scalinatella”, per duecentocinquantamila lire di compenso. Inizia il vero successo e i tre vengono chiamati per un inaugurazione in un locale a Roma, l’Open Gate, e di un night nella splendida isola di Capri, “La canzone del mare”.

Sergio Bruni

Per alcuni anni il gruppo ebbe alcuni componenti che andarono via per trasferirsi altrove, al loro posto entrarono altri. Il 3 gennaio 1954 alle ore 11.00 iniziano le prime trasmissioni televisive, ed alle ore 15.00, Carosone presenta a tutti gli italiani il suo gruppo ben affiatato, nel primo programma musicale andato in onda quel giorno, Renato e i suoi amici furono i primi musicisti ad apparire in TV. Nello stesso anno a Sanremo il terzo posto fu assegnato al brano “… e la barca tornò sola”. Renato rimase particolarmente colpito da quella melodia quasi funesta, tanto che poi ci pensò lui a riproporla al pubblico televisivo in una veste nuova più scanzonata ed esilarante, ridando vita ad una tragedia di mare creata dalla penna di Fiorelli e Ruccione, e trasformandola in una divertente e irresistibile parodia contornata da semplice simpatia, con la comicità di Gegè che accompagna ogni frase della canzone con un  “… e a me che me ne importa”.

renato carosone

Carosone fa sue parecchie canzoni tra i successi della musica napoletana, possiamo sbizzarrirci e divertirci con canzoni quali ” Marruzzella”, “Malafemmena”, “Scapricciatiello”, “Anema e core”, “La donna riccia”, tutti brani revisionati in stile “Carosone”. Il 4 giugno 1955 ci fu l’inaugurazione di un locale che con il tempo diventerà il tempio della musica leggera italiana “La Bussola di Focette” in Versilia, diretto da Sergio Bernardini. Il 2 luglio Carosone e il suo gruppo inaugura la stagione estiva, Renato ha gusto per ciò che riguarda l’assegnazione dei brani all’interno del gruppo., alcune canzoni le canta lui altre come per esempio per il pezzo “Io mammete e tu” Renato la lascia alla verve comica e alla simpatia di Gegè….

Per la Storia di Renato Carosone ed altre biografie, clicca qui

Emanuela Genta