La storia di Enrico Caruso 6° puntata

      Riesce a partire per Roma e subisce un ulteriore intervento chirurgico. Di ritorno a Napoli, Enrico alloggia all’ hotel Vesuvio, la                         mattina seguente, il 1 agosto chiede alla moglie  Dorothy: “fammi portare al sole, voglio vedere la mia città…”                                                                                                                                                                                                                                                                                         Enrico guardò a lungo la sua città, guardò le strade, i vicoli, i palazzi, guardò il sole, il cielo, guardò lontano cercando la sua zona di nascita, Sangiovanniello, chiuse gli occhi per un attimo, forse stava ascoltando la sua stessa voce da bambino, quando cantava nel coro della chiesa, una voce già destinata a diventare leggenda. In hotel lo aspettavano i medici, professori quali Cardarelli, Moscati e Chiarolanza, si discuteva su un altro consulto a Roma, ma Caruso non fece in tempo. Ecco integralmente l’ultimo e definitivo bollettino medico del prof. Raffaele Chiarolanza, uno dei medici che cercò disperatamente di salvare Enrico: ” Quando alle dieci di sera, intorno al letto del moribondo, ci riunimmo per la prima volta, i professori Moscati, Cardarelli e io, ci apparve evidente l’estrema gravità del male. L’ infermo presentava i segni di una peritonite settica, con setticemia. Una irrequietezza continua, l’ansia respiratoria, il polso frequentissimo ( oltre 140 pulsazioni al minuto ) dolori alla pressione in tutto l’ambito addominale, la chiusura completa ai gas dell’intestino, l’incapacità di sostenere qualsiasi liquido, compresa l’acqua, nonostante la sete ardente, i sudori profusi, la mancanza di urina, ricercata anche col caterismo , la faccia coi lineamenti cadenti e gli occhi infossati cerchiati di livido, tutto il quadro del male indicava chiari segni che un processo infettivo generalizzato si andava svolgendo a tratti precipitosi. Alle sette dell’indomani già il fatto si poteva dire concluso. Dopo qualche ora il grande cantante si era spento. ”

continua con la prossima puntata tutti i giorni alle ore 19.00, all’interno della rubrica Biografie – La Storia di Napoli

Emanuela Genta

enrico caruso