La ricetta della Domenica di Romina Sodano

“Calamari al Forno” 

Premessa:

Questa ricetta nasce da una tecnica di cottura studiata in una pescheria di San Benedetto del Tronto, nel territorio Marchigiano. Le piccole pescherie locali sono fornite anche di un locale per la gastronomia d’asporto, e la mia curiosità, essendo di origini marchigiane, mi ha permesso di conoscere il segreto, di un metodo valido ed alternativo alla frittura di calamari, tipica del nostro territorio campano.

Loro sono soliti preparare con questo metodo di preparazione e cottura la pescatrice e gli spiedini misto pesce, io ne ho fatto un cult per i calamari, per non appesantire la mia cucina con continue fritture.

Tempo di preparazione e cottura:

10 minuti di preaparazione

15 minuti di cottura in forno

Ingredienti per 4 persone:

3 calamari veraci  abbastanza grandi freschi e teneri

 2 ciuffi di prezzemolo

2 spicchi d’aglio

4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

Pane tostato e grattugiato q.b.

sale q.b.

pepe q.b.

Procedimento:

Pulire bene i calamari e tagliarli a rondelle o a pezzi.

In una ciotola o in un piatto amalgamare bene il pane grattugiato, il prezzemolo tritato grossolano, l’aglio tagliato a dadini piccoli.

Prendere le rondelle di calamari e amalgamarle nel composto.

Adagiare le rondelle ben amalgamate al composto in una teglia da forno sul fondo dei 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Salare e pepare q.b.

12802747_10207276587627069_5322140698787374930_n

infornare in forno ventilato preriscaldato a 180°C per 15 minuti.

Abbinamento Vino:

sugli abbinamenti cibo vino vi do il mio personale parere, perché essendo sempre alla ricerca di equilibrio tra profumi e sapori, sono convinta che a prescindere dall’esperienza e lo studio, fattore dominate è il soggettivo gusto.

Per questa semplice ricetta io abbino molto volentieri il Brut Cuvée Prestige Rosé Ca’ del Bosco

Pinot Nero 75%   – Chardonnay 25%

Colore Melograno, di spiccata brillantezza, impatto visivo meraviglioso con perlage fine e persistente.

Dominante olfattiva aromatico, fruttato, con agrumi in evidenza, soprattutto pompelmo rosa e accenni floreali.

Molto fresco alla bocca e morbido.

cuvprro_art800

A proposito dell'autore

Romina Sodano

Esperta enogastronomica, docente, pubblicista, conduttrice, video reporter, sommelier e assaggiatrice ONAF. Titoli professionali conseguiti a Roma, Verona e Milano, in pasticceria, panificazione, lievitazione e cioccolateria . Laurea in Economia Aziendale e gestione delle imprese, innamorata del Marketing. Project Manager Napoliprogress adv. PR Discepoli di Auguste Escoffier. CEO di Le stanze della cultura S.a.s di Romina Sodano & Co. "Sono una ribellione alla statistica, i numeri non possono definirmi e la letteratura non osa raccontarmi." La mia passione? La natura che fa il suo corso. Il territorio ci identifica in ciò che siamo!

Post correlati