Un provvedimento importante per molti puteolani che sono insediati nelle zone tra Licola mare e Cuma: è la delibera della giunta della Regione Campania riguarda la vendita di terreni dell’ex opera nazionale dei combattenti anche per ciò che concerne beni immobiliari sui quali in passato vi sono stati fenomeni di abusivismo, i quali potranno essere sanati attraverso il trasferimento di proprietà a favore di coloro che ne acquisiranno i diritti e che presenteranno domanda di sanatoria entro un anno dalla data dell’acquisto dalla Regione dei terreni oggetto di vendita attraverso la legge di condono 47/85.

A darne l’annuncio è l’assessore all’urbanistica e al demanio della Regione Campania, Ermanno Russo (F.I) il quale, attraverso il un comunicato presente sul sito della Regione Campania, sostiene con evidente soddisfazione che tale provvedimento, in attuazione del decreto legge 133/2013 convertito con legge 5/2014, era atteso da oltre quarant’anni e che favorisce anche quei cittadini dell’area flegrea che abitano nelle zone costiere di Pozzuoli, Bacoli e Giugliano.
“Un provvedimento che rende acquistabili i terreni del litorale domizio e flegreo che può consentire a molti cittadini che si sono insediati sugli stessi di riscattare la proprietà dei suoli dalla Regione Campania. Si tratta di una vera e propria apertura dei termini del condono 47/85 per gli immobili abusivi che sono stati costruiti su queste zone di proprietà dell’ex opera nazionale combattenti, in quanto entro un anno dall’acquisto potranno presentare, ove non lo avessero fatto in passato, delle domande di sanatoria degli abusi realizzati.