Da Amazon si compra di tutto, specialmente i regali di Natale, ma questa volta è stata la multinazionale americana a fare un regalo, ai ragazzi (ma anche agli adulti) di Scampia. Si tratta di un’area multimediale, all’interno della biblioteca del luogo con prodotti Amazon e dispositivi interattivi che potranno usare tutti i frequentatori dell’edificio nato un anno fa all’interno del progetto “Officina delle Culture” di Anart e Siae, con Hdrà, Aib (Associazione italiana Biblioteche), Amici di Città della Scienza e Aie (Associazione Italiana Editori). La biblioteca ha il nome di Gelsomina Verde, la ragazza uccisa dalla camorra nel 2004, durante la guerra di camorra tra clan Di Lauro e scissionisti. La passione per l’innovazione e impegno per un’eccellenza operativa fanno parte della filosofia lavorativa che sostiene il gigante commerciale del web. 

La struttura di via Arcangelo Ghisleri che si trova nel Lotto P5 di Scampia, in poco più di un anno ha trovato nuova vita: la sua storia, alquanto travagliata, è iniziata come edificio scolastico, per poi diventare un arsenale nascosto dei clan, ed ancora un rifugio clandestino di tossicodipendenti, ora è invece luogo di studio e cultura, frequentato da giovani e giovanissimi, ma anche da adulti. Così Amazon ha messo loro a disposizione dispositivi per la lettura, come i kindle touch screen sui quali poter leggere gli e-book e una serie di altoparlanti attraverso cui interagire con intelligenza artificiale. Il pubblico della biblioteca, giovane o adulto, avrà la possibilità di muoversi tra servizi e prodotti di Amazon. Inoltre, questo sistema è collegato alle luci della biblioteca, che saranno tutte comandate dall’intelligenza artificiale, rendendo più ricca di atmosfera l’esperienza. 

Il presidente della municipalità Apostolos Paipais ha ribadito la positività dell’intervento di Amazon per il territorio e si aggiunge a quello che la municipalità sta promuovendo nel campo della cultura che deve essere considerata sempre inseparabile dal lavoro. Ha inoltre sottolineato quanto sia altrettanto importante che si instauri un link tra istituti superiori e imprese. Come è avvenuto con l’Itis “Galileo Ferraris”, uno dei tre istituti in Italia che hanno partecipato alla “Open Fiber”: così l’istituto è riuscito ad aggiudicarsi l’alternanza scuola lavoro. 

La biblioteca è aperta dal lunedì al venerdì pomeriggio, dalle 14.30 alle 19.30 e la presenza di Amazon accrescerà la sua capacità di attrarre interesse nel quartiere, come veicolo di lettura e intrattenimento.