Whirlpool, Jabil, Comdata, Auchan, Enercon e le rispettive gravi crisi industriali saranno i temi, al centro del convegno “Mezzogiorno, scelta obbligata! La Campania priorità nazionale”. L’incontro è organizzato dalla Cgil Campania e si terrà mercoledì 20 novembre alle 09:30 all’Hotel Oriente di Napoli. L’appuntamento vedrà la partecipazione del ministro per il Sud e la Coesione Territoriale, Giuseppe Provenzano, del presidente di Confindustria Campania, Vito Grassi, del rettore dell’università Federico II di Napoli, Gaetano Manfredi, dell’economista Claudio de Vincenti e del segretario generale Cgil Campania, Nicola Ricci, con le conclusioni del segretario generale Cgil, Maurizio Landini, e le testimonianze dei delegati sindacali di alcune delle principali aziende in crisi del territorio regionale e l’analisi delle proposte del sindacato per il rilancio industriale della regione.

Il rilancio economico e sociale del Mezzogiorno – spiega Riccinon è solo l’idea del riscatto locale, ma è una parte importante dell’economia nazionale e due sono le principali leve di sviluppo che vanno utilizzate: l’impresa e il lavoro, le infrastrutture e la Pubblica Amministrazione. Occorre fare sistema mettendo al centro il lavoro, coordinando le competenze: questa è la nostra richiesta per il Sud. Un obiettivo prioritario – sottolinea Ricciche chiediamo a questo Governo in un contesto dove si richiede un progetto alternativo a una certa idea politica, pericolosamente di destra, poco lungimirante e sicuramente divisiva. La politica – conclude il segretario generale Cgil Campaniacome unità della Nazione, come superamento degli interessi territoriali di una parte del Paese su altri territori del Mezzogiorno. Noi pensiamo alla Campania come priorità nazionale”.