Verticale Storica “Capo di Stato” 1997 2006 2011 – azienda Loredan Gasparini.

Luca di Leva, proprietario della storica vineria del quartiere Chiaia & il proprietario dell’azienda Loredan Gasparini, Lorenzo Palla, condurranno i presenti alla degustazione.

L’Ebbrezza di Noè incontra Venegazzu.

Ideato e organizzato da Fabio Oppo

(Rappresentante dell’Azienda Gasparini & Fornitore de L’Ebbrezza di Noè)

La serata inizierà con la degustazione di Champagne Jean Michel e piatti, a sorpresa, in abbinamento realizzati dallo chef della casa.

Gli champagne in degustazione: Champagne Carte Blanche – Champagne Blanc de Meunier 2009 – Champagne Cuvée Millesimato Riserva Speciale Rosé 2006.

Seguirà la Verticale Storica di “Capo di Stato”.

Al termine della serata saranno degustati formaggi & salumi di Ruvo del Monte, Panettoni Forno Guarino & Cognac XO de Luxe.

Siamo a Venegazzù, ai piedi del versante meridionale del Montello. Villa Spineda si erge sontuosa, sulla strada che collega Montebelluna a Conegliano, al centro di un sistema produttivo agricolo, circondata da campi coltivati.

Negli anni cinquanta nella Villa abita il Conte Piero Loredan; l’ha ricevuta in eredità dalla madre Lia Gasparini.

Il Conte organizza l’azienda agricola. Dietro al corpo centrale, a ridosso delle pendici del Montello, c’è della terra che sembra perfetta per le varietà bordolesi.

Venezia, 1967. De Gaulle e signora si trovano in visita per la Biennale. All’Hotel Gritti viene servito un Venegazzù Rosso. Il Presidente entusiasta, elogia pubblicamente, vuole sapere il nome di chi produce quello straordinario Bordeaux.
Piero Loredan  in segno di riconoscenza fa realizzare dal pittore padovano, Tono Zancanaro, due etichette per delle bottiglie speciali da inviare in dono alla coppia.
Dedicata alla signora Yvonne la figura di un uomo con la scritta “des roses pour madame”, ed al marito quella di una donna con la dicitura”…et pour Monsieur la Bombe”. Nasce il Capo di Stato.

E’ il 1972. Le risorse economiche di Loredan non sono più floride e il Conte  vende l’azienda agricola a Giancarlo Palla; Palla ha un’azienda a Cendon di Silea, la Beato Erico; nei primi anni della nuova gestione, per timore di una possibile azione giudiziaria nei confronti del Conte, sarà la Beato Erico ad etichettare il Venegazzù ed anche le vecchie annate di cui è piena la cantina.

Lorenzo Palla – figlio di Giancarlo – si occupa a tempo pieno dell’Azienda dal 1998.

La sede dell’Azienda Agricola Conte Loredan Gasparini si trova poco distante da Villa Spineda. Ottanta ettari complessivi (in produzione circa sessanta) distribuiti tra Venegazzù, Giavera del Montello e Nervesa della Battaglia.

Oltre ai vitigni bordolesi vengono coltivati glera per la produzione del Prosecco Superiore DOCG Asolo e pinot nero per la produzione di ventimila bottiglie ca. di un Metodo Classico Brut.

L’Ebbrezza di Noè un posto caldo, accogliente e sicuramente originale sito nel salotto della bella Napoli.

Nasce come enoteca, ma poi Luca la trasforma quasi subito in un ristorante, dove riesce ad esprimere la sua passione in ogni sua iniziativa; vini pregiati  “culturalmente” abbinati a portate di notevole livello.

Il menù è molto ricco e cambia frequentemente; selezione di materie prime di qualità.

La ricerca di sensazioni che difficilmente si percepiscono ai comuni cinque sensi umani.

Romina Sodano

ebbrezzanoe

Napoli – Mercoledì 30 Novembre ore 20:30

c/o L’Ebbrezza di Noè – Vico Vetriera a Chiaia 8b/9

per info 081400104 – 3385804845

 

A proposito dell'autore

Romina Sodano

Esperta enogastronomica, docente, pubblicista, conduttrice, video reporter, sommelier e assaggiatrice ONAF. Titoli professionali conseguiti a Roma, Verona e Milano, in pasticceria, panificazione, lievitazione e cioccolateria . Laurea in Economia Aziendale e gestione delle imprese, innamorata del Marketing. Project Manager Napoliprogress adv. PR Discepoli di Auguste Escoffier. CEO di Le stanze della cultura S.a.s di Romina Sodano & Co. "Sono una ribellione alla statistica, i numeri non possono definirmi e la letteratura non osa raccontarmi." La mia passione? La natura che fa il suo corso. Il territorio ci identifica in ciò che siamo!

Post correlati