Per la morte di Mario Paciolla sarà fatta “giustizia piena“, senza “impunità“: così all’agenzia Ansa il ministero degli Esteri, spiegando che “l’impegno su questa vicenda è assoluto“, ed ha aggiunto che “la Procura ha dato al caso priorità, facendo progressi nell’inchiesta” sulla morte del 33enne napoletano impegnato come osservatore dell’Onu a San Vicente del Caguàn. L’uomo è stato trovato morto a casa sua il 15 luglio scorso per un apparente suicidio dai contorni tuttavia molto sospetti.


Intanto le autorità colombiane hanno anche reso noto che le indagini sono seguite personalmente dalla vice procuratrice generale Martha Mancera che ha esplicitamente chiesto agli investigatori di valutare tutte le ipotesi possibili sul decesso di Paciolla.