Anche quest’anno avrà luogo l’iniziativa,  a cura dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di NapoliInnamòrati di Napoli con gli Innamoràti di Napoli” oramai giunta alla sua V edizione. Il progetto, effettuato in collaborazione con l’Associazione Guide Turistiche Campane, prevede un programma di visite guidate da “ciceroni illustri” affiancati da guide turistiche abilitate che nella mattina di domenica 16 febbraio faranno innamorare di Napoli cittadini e turisti, illustrando le bellezze della città. Unica eccezione rispetto alla data del 16 febbraio sarà la visita Esplorando il borgo orefici che si terrà sabato 15 febbraio a cura degli gli artigiani dell’Antico Borgo Orefici che racconteranno la storia e le tradizioni dell’arte orafa a Napoli e accompagneranno i visitatori al Museo dell’Arte Orafa.

Gianni Simioli testimonial d’eccezione dell’evento con un ricordo dell’indimenticabile Loredana

Una delle visite più attese dai partecipanti è quella a Palazzo San Giacomo dove il Sindaco e l’Assessore alla Cultura e al Turismo salutano in sala Giunta i partecipanti prima che si disperdano per il palazzo alla scoperta dei suoi tesori.

Testimonial dell’evento sarà quest’anno Gianni Simioli, il noto conduttore radiofonico e televisivo napoletano che celebrerà il suo amore per Napoli con un ricordo di sua sorella, l’indimenticabile attrice Loredana Simioli.

Si andrà alla scoperta e riscoperta di luoghi noti e meno noti raccontati in chiave personale da uomini e donne che lavorano e vivono ispirati dall’amore per Napoli. Dai tasselli degli appuntamenti verrà fuori il volto variegato di una città che eccelle in mille campi. Questa iniziativa vuole celebrare l’amore per Napoli. L’amore di chi l’ha vissuta, di chi l’ha raccontata o interpretata mettendo in luce uno dei suoi innumerevoli volti. La partecipazione entusiastica dei ciceroni illustri, dei turisti e dei cittadini conferma e rinforza il legame profondo che questa città riesce a stabilire con chi la vive e con chi la visita.

Circa una cinquantina i personaggi illustri che hanno aderito finora per altrettanti percorsi e monumenti della città.

All’associazione di categoria Guide Turistiche Campania è affidata l’organizzazione dell’evento e l’affiancamento nelle visite ai ciceroni illustri, secondo il calendario pubblicato sul sito del comune di Napoli (www.comune.napoli.it) e sul sito dell’associazione Guide turistiche Campania (www.guideturistichecampane.it) dove alla sezione Innamorati2020 sarà possibile effettuare le prenotazioni. I cittadini e i turisti troveranno online le schede relative a ogni visita e le informazioni per prenotarsi. Le visite guidate sono tutte gratuite. Per i luoghi dove è previsto un biglietto d’ingresso questo sarà a carico dei partecipanti. Alcune strutture che hanno aderito garantiranno una riduzione dedicata agli “innamorati”.

Sono felice di presentare la quinta edizione di un format vincente che chiede la città. I tour proposti raggiungono velocemente i sold out poco dopo l’apertura delle prenotazioni confermando l’attesa da parte dei cittadini di questo evento.  Innamòrati/Innamoràti di Napoli è una rappresentazione virtuosa di turismo culturale e Napoli si candida a essere capitale europea del turismo culturale; Napoli capitale del turismo culturale grazie al suo patrimonio inestimabile, un patrimonio  che non è fatto solo di luoghi o siti monumentali ma anche di persone, come i nostri ciceroni illustri che, aderendo volontariamente all’iniziativa,  veri Innamorati di Napoli,  ci restituiscono un sincero atto d’amore verso la città” –dichiara l’Assessore alla Cultura e al Turismo Eleonora de Majo

Per partecipare è obbligatorio prenotarsi attraverso il sito internet  www.guideturistichecampane.it/innamorati-di-napoli dove è possibile visionare le informazioni su ogni singola visita. Le prenotazioni si effettuano esclusivamente on line.

Per ulteriori dettagli è possibile telefonare ai seguenti numeri: 351.2832755 – 351.2833218

Il programma 

Vincenza Alfano 

scrittrice napoletana di molti romanzi di successo tra cui “Balla solo per me”, “Chiamami Iris”

presenta L’altra San Gregorio. La voce dei vicoli, la storia di Iris.

Vincenza Alfano ci conduce nei luoghi del suo ultimo romanzo “Chiamami Iris”. La visita del Convento di San Gregorio Armeno comincia dal portale a bugne alterne di marmo e piperno e l’ampio scalone scoperto. All’interno del Convento i visitatori incontreranno la storia di Iris, percorrendo il chiostro, il refettorio, la Chiesa. Un itinerario alla scoperta della spiritualità e dell’arte di un luogo unico: l’altra San Gregorio, volto meno conosciuto della strada nota per le sue botteghe di pastori, palpitante di vita e di voci che sembrano opporsi al silenzio del chiostro.

Lucio Allocca

Attore e regista

presenta La Certosa di San Martino.

Una passeggiata attraverso i chiostri della Certosa e visita alla zona riservata all’arte presepiale con particolare attenzione dedicata al presepe Cuciniello.

Francesca Amirante

Storico dell’arte – Curatore del Complesso Museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco

Presenta Passeggiata tra le colonne

Una passeggiata alla scoperta delle colonne dell’area di Chiaia tra ricostruzioni, aneddoti e toponomastica.
Dalla colonna spezzata a Palazzo Mirelli di Teora.

Luogo di appuntamento: Piazza Vittoria (Colonna Spezzata)

 Pino Aprile

giornalista e scrittore, autore del best seller “TERRONI”

presenta Cenerentola perse la scarpetta a Napoli

La prima versione della fiaba probabilmente più antica del mondo, fu scritta in Occidente da un napoletano, Giambattista Basile, ne Lo conto de li cunti. L’autore frequentava corte, quindi l’unica reggia che avrebbe potuto descrivere bene è quella di Napoli. Sul cui scalone, è lecito pensare abbia immaginato Cenerentola perdere la scarpetta. Mezzo secolo dopo le sue fiabe vennero copiate dal francese Perrault, due secoli dopo dai fratelli Grimm. La Disney ha usato un castello della Baviera per la sua versione della fiaba e il maniero, spacciato per quello “di Cenerentola”, è stato visitato fin qui da 60 milioni di persone. Invece quella scalinata è al palazzo reale di Napoli.
E che c’entra Pretty woman? Ne parliamo domenica 16, dinanzi alla scalinata di Cenerentola.
Luogo di incontro: Ingresso Palazzo Reale

Giulio Baffi

critico teatrale del quotidiano “la Repubblica”

presenta il Teatro San Ferdinando.

Sarete guidati all’interno di quello che fu il tempio di Eduardo De Filippo attraverso le storie e gli aneddoti raccontati da uno dei massimi conoscitori della storia del teatro.

Eccezionalmente per quest’evento la visita al teatro sarà gratuita.

Donatella Nernabò Silorata

Giornalista Di Viaggi – Dove (RCS Periodici)

presenta LA GAIOLA. Storia, falsi miti e una bellezza che incanta

La Gaiola è un cammeo, un unicum per storia e geografia: parco archeologico sommerso e area marina protetta, l’unica in Italia in area metropolitana. Ai piedi del promontorio di Trentaremi sul Capo di Posillipo, in una posizione che incanta al primo sguardo, è un condensato di storie, leggende e meraviglie subacquee. Nelle giornate limpide, anche ad occhio nudo, si vedono bene i resti di approdi, ninfei, camminamenti e peschiere della villa Imperiale di Publio Vedio Pollione del I sec. a.C. Ci arriveremo a piedi costeggiando scampoli di vigne e campagna. L’arrivo è emozionante: acqua trasparente, una piccola spiaggia e il Vesuvio davanti come una cartolina. Visiteremo il centro studi Gaiola, centro di ricerca e divulgazione scientifica, con acquario didattico e un’innovativa tecnologia per guardare i fondali.

Mario Brancaccio

Attore, scrittore e Direttore Artistico del Parco Letterario Vesuvio

presenta Amori Impossibili: Giacomo Leopardi e la musica jazz

Performance su una rilettura evocativa e sonora dei versi e della vita di Giacomo Leopardi a Napoli ideata da Mario Brancaccio con il commento canoro di Patrizia Spinosi che interpreta le più belle melodie partenopee di metà Ottocento. Alla chitarra il maestro Michele Boné.

Laurent Burin des Rozieres

Diplomatico, Console generale di Francia a Napoli, Direttore dell’Institut Français Napoli

presenta Il Palazzo Grenoble – La Francia a Napoli

Visita de Palazzo Grenoble, un pezzo di Francia a Napoli. Il Palazzo Grenoble, costruito nel 1884 dall’architetto Lamont Young, fu acquistato dal governo francese nel 1933 per ospitare l’Institut Français de Naples (già creato nel 1919 in connessione con l’Università di Grenoble) ed è rimasto finora il fuoco delle attività culturali e accademiche legate alla Francia a Napoli. Dalla mediateca ai giardini, dal teatro alla scuola, dalla galleria alla foresteria, il percorso della visita sarà l’occasione di evocare questa storia franco-partenopea e i personaggi che hanno frequentato “Il Grenoble”.

Michele Campanella

Musicista

presenta Il Conservatorio San Pietro a Majella

visita ai Chiostri ed alle sezioni museali del Real Conservatorio di San Pietro a Majella, con una guida d’eccezione che condividerà con il pubblico i ricordi a lui più cari.

Yvonne Carbonaro e Gaetano Bonelli

Scrittrice e Collezionista

presentano Fondazione “casa della Scugnizzo” Museo di Napoli – collezione Bonelli

Frutto di oltre trent’anni di ricerche ed acquisizioni, la raccolta Bonelli, con le sue venti aree tematiche riconducibili alla città di Napoli, rappresenta un autentico unicum.

Oltre diecimila testimonianze su trasporti, emigrazione, commercio, igiene, fotografia, ludica, spettacolo e tanto altro ancora, grazie alle quali è possibile compiere un vero e proprio viaggio nella memoria e scoprire aspetti inediti ed affascinanti della città illustrati dallo stesso curatore.

Valerio Ceva Grimaldi

Giornalista e autore della guida “Napoli insolita e segreta”

presenta Hotel San Francesco Al Monte

un “tour insolito” a San Francesco Al Monte, alla scoperta dell’antico monastero e della terrazza panoramica.

Domenico Ciruzzi

Avvocato, regista, autore, presidente della Fondazione “Premio Napoli”

presenta Le strade de “Il Giudizio Universale” (V. de Sica 1961)

da Piazza del Plebiscito a Santa Lucia.

Roberto Colella de La  maschera

Musicista / compositore / autore

presenta Palazzo Pandola

Partiamo da una delle piazze più conosciute di Napoli. Partiamo dagli aspetti affascinanti di una città fatta di mille sfaccettature e contrasti estremi, di sacro e profano. Fino ad entrare in un luogo storico che conserva orme di giganti come Vittorio De Sica, Nanni Loy o Sophia Loren.
Palazzo Pandola è per me, da sei anni a questa parte, una sorta di rifugio… per ‘la comunità’, invece, è una piccola fabbrica di miracoli. Da lì il cinema digitale napoletano ha sfornato capolavori come l’Arte della Felicità o Gatta Cenerentola… da lì, FullHeads produce molte realtà discografiche napoletane.

Amedeo Colella

scrittore ed umorista napoletano

presenta Gli amori (leciti e proibiti) di casa Borbone.

Le storie d’amore di sei regine Borbone, da Maria Amalia di Sassonia a Maria Carolina, a Lucia Migliaccio, a Maria Isabella, a Maria Teresa d’Austria a Maria Sofia di Wittelbach e tanti altri amori della storia di Napoli, raccontati nelle loro alcove.

Riccardo Dalisi

architetto, designer e artista con la collaborazione di Annamaria Laville

presentano L’insula di rua Catalana: dai teatri alle botteghe dell’arte.

Passeggiata lungo Rua Catalana alla scoperta delle sue origini medievali, dei più antichi teatri della città e della antica tradizione di lavorazione del ferro e del rame.Visita al teatro Mercadante, alla chiesa della Graziella (ex teatro San Bartolomeo) e alle botteghe dei maestri ferrai e lattonari, in un affascinante percorso valorizzato dall’allestimento realizzato dall’architetto Dalisi, cicerone illustre di questo percorso.

Enzo Decaro

attore teatrale, cinematografico e televisivo

presenta Megaride: l’isola dell’uovo di Virgilio, della tomba della Sirena Partenope e della nascita di una città

Passeggiata sull’isolotto di Megaride, tra le mura di castel dell’Ovo alla ricerca dell’uovo di Virgilio, della tomba della bella sirena Partenope, passando per la chiesetta di san Salvatore e la villa di Lucullo e la torre normanna: per scoprire una meravigliosa Napoli vista dal mare, conoscere la storia della nascita di una città che si fonda sulla magia e la leggenda..

Benedetta De Falco

Presidente Associazione Premio GreenCare

Presenta Capodimonte: dal Belvedere alla Statua del Gigante

Una passeggiata che, partendo dal Belvedere sulla città si spingerà fino alla Statua del Gigante, andando a riscoprire una parte del Real Bosco recentemente restituita alla fruizione. Si propone ai visitatori un racconto appassionato del parco storico e pubblico più grande della città e d’Italia, alla scoperta della flora e della fauna. Come fu pensato, le trasformazioni nel tempo, cosa è oggi, ma soprattutto cosa diventerà. Le esigenze di tutela e valorizzazione nel rapporto con i visitatori. Un patrimonio storico-botanico-ambientale d’inestimabile valore da preservare ma anche un “patrimonio” affettivo-sociale da accogliere e coltivare nel rispetto delle diversità. Il racconto del luogo sarà alleato alle competenze botaniche di Carmine Guarino, professore di biologia vegetale all’Università del Sannio ed autore di libri sulla storia dei giardini e del paesaggio agrario.

Ugo De Flaviis

Presidente Fondazione San Giuseppe dei Nudi

Presenta Il Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe dell’Opera di Vestire i Nudi – La Carità tra fede arte e storia (1740-1890)   con la Prof.ssa Almerinda Di Benedetto – Università Vanvitelli

San Giuseppe dei Nudi è un antico sodalizio aristocratico di beneficenze. Il 6 gennaio ha compiuto 280 anni. Custodisce tra i vari tesori, la famosa reliquia del bastone di San Giuseppe, conosciuto a Napoli come “la Mazzarella di San Giuseppe”.

Giuseppe Pino Ferraro

docente di Filosofia presso Università Federico II di Napoli

presenta Il Rione Geniale

Visita raccontata al Rione Luzzatti-Ascarelli

con testimonianze diretta del luogo del romanzo di Elena Ferrante.

Annamaria Ghedina

direttore Responsabile de “lo Strillo” ed autrice, tra gli altri, del best seller “Fantasmi a Napoli” e “Guida ai Fantasmi d’Italia” conosciuta con il soprannome di Lady Ghost

presenta I Segreti di Palazzo Donn’anna

Breve descrizione Palazzo Donn’Anna, l’edificio progettato a metà ‘700 da Cosimo Fanzago, a fianco del quale c’era anni fa una trattoria dove abitualmente andava a consumare i pasti Eduardo De Filippo. Superfluo aggiungere che c’è chi afferma d’aver ‘incontrato’ Eduardo alla ricerca del ‘suo’ ristorante. Nel palazzo abitò da ragazzo lo scrittore Raffaele La Capria e questo complesso rientra nella tradizione che lo vuole ‘infestato’ d’inquiete presenze, di richiami notturni che ne fanno luogo di curiosità e d’incanto…

Ivan Granatino

Cantautore

Presenta Il centro storico

Passeggiata informale attraverso il cuore antico di Napoli, per scoprirne, non solo colori e odori ma sopratutto i suoni che, del cuore pulsante di Napoli hanno fatto la propria casa.

Tano Grasso

presenta I bei luoghi LIBERATI

Una passeggiata con Tano Grasso attraverso i luoghi anelanti alla “legalità”.

Dalla palestra Kodokan fino a Porta Capuana

Peppe Iannicelli

giornalista televisivo e sportivo

presenta lo stadio San Paolo

accompagnando i partecipanti nei meandri del tempio del calcio a Napoli con una visita che durerà 90 minuti… quanto una partita di calcio

Paolo Iorio

Direttore del Museo Del Tesoro di San Gennaro e direttore del Museo Filangieri

presenta Il Museo Filangieri ed il Museo del Tesoro di San Gennaro.

Un’imperdibile occasione per visitare il Museo Filangieri, ospitato nel quattrocentesco Palazzo Como. Il museo nacque nel 1888 come un “sogno” del principe e mecenate delle arti Gaetano Filangieri; la visita comprende inoltre l’ingresso al più prezioso scrigno di Tesori che Napoli può vantare: il Museo del Tesoro di San Gennaro

Bruno Leone e Irene Vecchia

presentano Viaggio nel mondo delle Guarattelle.

L’appuntamento è nella piazzetta Monticelli, uno dei luoghi storici dove anticamente si fermava il casotto dei burattini e qui si assisterà a un breve spettacolo, omaggio agli antichi maestri. Attraverseremo via Banchi Nuovi, altro luogo  delle Guarattelle e infine visiteremo la “Casa Guarattelle”, in vico Pazzariello 15 A,  in cui questa arte ha trovato un piccolo spazio per consolidarsi e misurarsi con i nostri tempi e il futuro che ci attende. Qui i maestri guarattellari ci sveleranno quali sono i “veri” segreti di Pulcinella… quelli che gli hanno permesso di essere così antico e così attuale.. soprattutto nei tempi che vorrebbero negarlo…

Ugo Leone

Già ordinario di politica dell’ambiente ed ex presidente del Parco Nazionale del Vesuvio

presenta Napoli tra due vulcani: il Vesuvio e i Campi Flegrei

dal Parco Virgiliano le vedute sul Golfo di Napoli e sui Campi Flegrei

Christian Leperino

artista

presenta I luoghi dell’anima fuori le mura

Leperino, pittore e scultore, accompagnerà i partecipanti in un viaggio “emotivo” attraverso luoghi che hanno profondamente inciso sul suo più recente immaginario artistico, accogliendoli anche all’interno della chiesa di S. Maria della Misericordia, da lui sottratta al degrado dell’abbandono e trasformata in un centro per le arti contemporanee. La chiesa sorge quasi al termine dell’antico percorso delle acque che dal colle di Capodimonte si spingevano fino all’area dei “Vergini”, scelta sin dai tempi della polis greca come luogo di eremitaggio e di sepoltura dei defunti, appena fuori dalla cinta muraria che la separava dalla città dei “vivi”. Un territorio carico di spiritualità e memorie, sospeso tra la raffinata monumentalità delle architetture settecentesche e l’ombra delle cavità sotterranee. Oggi vitale eppure segnato dalla marginalità. Luogo dai forti contrasti, ma anche ricco di stimoli per chi è impegnato nella ricerca artistica e nell’azione culturale.

Francesco “Ciccio” Merolla

Musicista

Presenta Innamorato di Napoli

Ciccio Merolla ripercorre i luoghi della sua infanzia a cui e’ molto legato, ovvero un percorso partendo da piazza del Plebiscito, il tour si diramerà lungo via Gennaro Serra, fino a raggiungere piazza Santa Maria degli Angeli a Pizzofalcone.

Raffaele Moccia

Ferroviere in pensione

presenta Storia e Misteri del Presepe Napoletano

Di quello che c’è da sapere del Presepe e di come non soccombere agli ignoranti che come i diavoli
affollano le vie del Natale, ovvero storia e misteri del presepe napoletano

Carlo Morelli

maestro e direttore del Coro “Ad Alta Voce”

presenta La chiesa di San Potito.

Il tempio seicentesco di via Salvatore Tommasi, a pochi passi dal Museo Archeologico, ha riaperto dopo circa 20 anni ed è stato assegnato dal cardinale in comodato d’uso all’associazione “Ad alta voce” dietro l’energica guida del maestro Carlo Morelli

Marco Perrillo

giornalista e scrittore

presenta Dracula e altri misteri nel cuore della vecchia Napoli.

un tour alla scoperta di uno dei luoghi più enigmatici della città: la presunta tomba di Vlad III di Valacchia, passato alla storia come il conte Dracula. Si parte dal chiostro della chiesa di Santa Maria la Nova, per proseguire l’itinerario in piazzetta Ecce Homo e fino ai Banchi Nuovi, passando per il leggendario palazzo Penne e parlando della leggenda relativa al demonio. Il tour, ammirando la cappella Pappacoda, altro gioiello medievale, termina in piazza San Domenico Maggiore raccontando della presenza degli arcangeli contrapposti alle forze del male.

Antonio Parlati e Giuseppe Messina

Direttore Sede Rai di Napoli e Responsabile didattica

presentano la Rai  di Un Posto Al Sole

illustrando ai partecipanti alcuni spazi del Centro di Produzione Rai di Napoli.

Saranno presenti eccezionalmente sul set alcuni dei maggiori protagonisti della serie TV Un Posto al Sole.

Aldo Putigliano

giornalista e scrittore

presenta Il Maschio Angioino – un nuovo castello per Napoli.

Una introduzione storico-architettonica di quello che fu nei secoli scorsi luogo di eventi importantissimi della nostra storia.

Chiara Reale e Patrizia De Mennato

presentano ‘A Casa do’ Barone – Alla scoperta di Villa di Donato e del Borgo di Sant’ Eframo Vecchio

Ex Casino di caccia borbonico, Villa di Donato sorge a due passi dall’affollato Centro Storico di Napoli, nel poco conosciuto borgo di Sant’Eframo Vecchio. Con la giornalista e curatrice d’arte Chiara Reale, la Padrona di Casa Patrizia de Mennato guideranno gli intervenuti fra le sale affrescate e i giardini della dimora settecentesca, narrando una storia di famiglia e, al tempo stesso, una storia di trasformazione urbana. Per l’occasione l’attrice eduardiana Annamaria Ackermann si esibirà in alcune letture teatralizzate tratte dal libro “’A Casa do’ Barone – Villa di Donato e il borgo di Sant’Eframo Vecchio” (ed. Marchese editore) di recente pubblicazione e dedicato proprio a questi luoghi.

Roxy in the box

artista

presenta Maresistere

La mostra Maresistere, al Mann fino al 9 Marzo 2020, è il progetto elaborato da Roxy In The Box sull’emigrazione che, tra Otto e Novecento, si svolse sulla rotta Napoli-New York: il 41° parallelo.
Partendo dai documenti dell’Archivio Storico del Banco di Napoli e dell’Archivio di Stato, incrociati con il database di Ellis Island, l’artista partenopea ha intrecciato i fili della propria ricerca in diverse direzioni: intima, pubblica e internazionale.

Martin Rua

Studioso di religioni, massoneria e scrittore

Agnese Palumbo
Scrittrice e giornalista

presentano La Cappella Sansevero.

Gli autori, nonché guide turistiche, ci condurranno in un viaggio alla scoperta de L’Amore Alchemico: il messaggio segreto del Principe Raimondo de Sangro

Teresa Tauro

Architetto

Presenta Napoli Pitagorica

Verrà illustrata, attraverso un racconto e la proiezione di slide, la Storia della Fondazione di Neapolis, la Città Nuova, avvenuta alla fine del VI s.a.C. ad opera di Pitagorici. Le notizie sono prese dal libro pubblicato da Pandemos nel 2017 “Alle Origini dell’Urbanistica di Napoli” scritto dall’arch. Teresa Tauro insieme al prof. Fausto Longo dell’Università di Salerno. Questo lavoro che ha richiesto più di 8 anni di intensi studi, molto eterodossi, ha aperto spiragli sconosciuti di conoscenza per una nuova visione di Napoli costruita adattandosi su un pianoro circondato da colline ma con  un impianto rigorosamente geometrico, armonico e proporzionale di matrice pitagorica. La sua forma è circolare con un grande quadrato centrale iscritto al suo interno e con il Tempio dei Dioscuri al centro di questo quadrato.

Dopo il racconto e la visita ai resti della cinta muraria antica conservati e valorizzati all’interno della Chiesa di Sant’Aniello si farà un breve tour alla scoperta della Urbanistica della Napoli Greca sconosciuta ai più.

Pierantonio  Toma

giornalista, scrittore ed autore di canzoni

presenta il Mercadante, il teatro dei molti nomi e della grande storia

Isabella Valente

storica dell’arte e scrittrice

presenta Arte in Circolo: gli artisti e i personaggi che hanno fatto la storia di Napoli nelle sale della Fondazione

La Fondazione “Circolo Artistico Politecnico”, con sede in Palazzo Zapata, è sorta il 22 dicembre 1888 per iniziativa di alcuni artisti napoletani (Dalbono, Mancini, Netti, Montefusco, Solari, Tommasi, Morelli ed altri), con il nome di “Società Napoletana degli Artisti”, poi trasformata in “Circolo Artistico Politecnico”, per le fusioni con i Circoli Forense e Politecnico

Marco Zurzolo

Sassofonista, compositore e arrangiatore

presenta La voce di Partenope

Uno dei musicisti partenopei più apprezzati a livello internazionale, con l’ausilio di una guida turistica della Regione Campania e la melodia del suo sassofono, ci accompagnerà nella visita delle chiese di Santa Maria dell’Aiuto e San Giovanni Maggiore alla scoperta delle origini della città e del cristianesimo.

Anteprima

Sabato 15 Febbraio

Esplorando il Borgo Orefici

Gli artigiani dell’Antico Borgo Orefici vi accoglieranno per raccontarvi la storia e le tradizioni dell’arte orafa a Napoli ed accompagnarvi nella visita del Museo dell’Arte Orafa. Le aziende aderenti al Consorzio praticheranno in questa occasione particolari sconti ai partecipanti che vorranno acquistare presso i loro punti vendita.

Info e prenotazioni sul sito del comune di Napoli (www.comune.napoli.it) e sul sito dell’associazione Guide turistiche Campania (www.guideturistichecampane.it) alla sezione Innamorati2020.