Iniziata la “Rivoluzione” dei Musei

Sono entrate in vigore dal 1 luglio, le nuove norme, volute dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini, per le aperture serali prolungate dei Musei, dalle 20 fino alle 22 di ogni venerdì, e per l’accesso gratuito ai Musei Statali la prima domenica del mese. Oltre ai nuovi orari, dal primo luglio sono partite anche le nuove tariffe di ingresso ai musei statali: le novità riguardano la fine della gratuità per gli over 65, la gratuità per gli under 18 anni e sconti fino a 25 anni.

Fa ben sperare il numero di ingressi registrato venerdì sera, primo giorno di prolungamento orario d’apertura nei primi 23 siti museali che hanno aderito all’iniziativa, tra cui Pompei ed il Colosseo. Da agosto, a questi primi 23 siti di cultura, se ne aggiungeranno altri, dopo che saranno concluse le contrattazioni sindacali locali, per definire le modalità di prolungamento orario del personale addetto. Un provvedimento che ci adegua ad altri stati europei, che speriamo possa dare slancio all’economia indotta dal maggiore e migliore sfruttamento del nostro magnifico ed enorme patrimonio artistico e culturale che tanti ci invidiano.

A proposito dell'autore

Post correlati