Inizia il campionato di Serie A e non mancano di certo le polemiche: quelle relative al mancato rinvio della prima giornata (in concomitanza con i funerali di Stato per la strage di Genova, rimandate solo le gare delle due squadre del capoluogo ligure) e quelle che riguardano il Presidente del calcio Napoli ed i tifosi partenopei stanchi delle sue uscite definite poco eleganti (fermiamoci qui).

Il calciomercato che spesso inganna e confonde ha visto un movimento massiccio delle due milanesi (che vengono da annate umilianti, soprattutto i rossoneri) e della Juventus  con la ciliegina sulla torta Cristiano Ronaldo: acquisti che hanno preoccupato e demoralizzato la fin troppo scoraggiata tifoseria partenopea che ha troppo presto dimenticato quello che sono riusciti a fare i calciatori ancora in rosa e sottovalutato probabilmente, gli arrivi di signori giocatori come Verdi, Fabian Ruiz e Meret su tutti.

Ovviamente il giudice supremo sarà il campo e questi finalmente sarà il protagonista d’ora in avanti vista la chiusura anticipata del mercato al giorno che precede l’inizio della stagione: ad inaugurare il torneo saranno nell’anticipo delle 18 i bianconeri campioni d’Italia impegnati al Bentegodi contro il Chievo di D’Anna . Alle 20:45 invece super sfida Lazio-Napoli con la curiosità del ritorno in Italia di uno degli allenatori più vincenti della storia recente, Carlo Ancelotti.

Il tecnico ex Real, Psg, Bayern Monaco, Milan, Chelsea e Parma vorrà continuare il super lavoro del triennio Sarri magari aggiungendoci quei piccoli ritocchi tattici e caratteriali che potrebbero proiettare gli azzurri in dimensioni straordinarie. Poche saranno le novità rispetto allo scorso anno nell’undici iniziale: a porta ci sarà Karnezis (Meret infortunato ed Ospina appena arrivato che ha seguito la squadra nella Capitale), a centrocampo probabilmente vi sarà la nuova versione del capitano Hamsik in cabina di regia (modello Jorginho, a ripercorrere un po’ quello fatto da Pirlo anni fa) con l’immancabile Allan e Zielinski, mentre in attacco con Insigne e Callejon dovrebbe esserci il polacco Milik (sperando che la sfortuna possa girare alla larga quest’anno).

In casa Lazio Acerbi dovrà non far rimpiangere il forte De Vrij, mentre in cabina di regia subito dentro il nuovo Badelj (a lungo accostato al Napoli) che sostituisce lo squalificato Lucas Leiva. Ci sarà Milinkovic-Savic oggetto del desiderio di tutte le big d’Europa e con lui Luis Alberto e Ciro Immobile.

Si aprono le danze, ha inizio il campionato: che vinca il migliore… arbitri permettendo!