Ad inaugurare il nuovo cartellone al Teatro Lendi (via A. Volta 176 strada provinciale Grumo Nevano-Sant’Arpino) sarà Biagio Izzo, in anteprima nazionale, conTartassati dalle tasse”, scritto e diretto da Eduardo Tartaglia, in scena da mercoledì 6 a venerdì 8 novembre, alle 21; e fuori abbonamento sabato 9 novembre (ore 21) e domenica 10 novembre (ore 18).

Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che da nipote e figlio di baccalaiuolo si ritrova ora proprietario orgoglioso di un ristorante internazionale di sushi all’ultima moda. Che, dopo tanti sacrifici, avrebbe voluto ora godersi anche un po’ la vita; magari anche grazie a qualche piccola “furbizia” di contribuente. E che si ritroverà, invece, in balia di mille peripezie e problemi. E,soprattutto, costretto a risolvere il quesito che angustia la stragrande maggioranza di noi: come è possibile che due parole che da sole evocano così tanta bellezza: “Equità” e “Italia”, quando si uniscono si contraggono dolorosamente,come chi è in preda alla più dolorosa delle coliche addominali?

Il cartellone

Dal 20 novembre arriva Carlo Buccirosso con “La rottamazione di un italiano perbene”. A dicembre, spazio al teatro comico con il trio Fabio Balsamo, Ciro Esposito e Salvatore Gisonna in “Siamo tutti… Felice”, scritto e diretto da Salvatore Gisonna, in scena dal 4 dicembre. A gennaio, in cartellone c’è “Mostri a parte”, diretto e interpretato da Maurizio Casagrande, che ne è anche autore insieme a Francesco Velonà (dall’8 gennaio). Nello stesso mese arrivano Massimo Lopez e Tullio Solenghi in “Massimo Lopez e Tullio Solenghi SHOW” (dal 15 gennaio), scritto da Lopez e Solenghi, in palcoscenico con la Jazz Company, diretta dal maestro Gabriele Comeglio. Sempre a gennaio, Sal Da Vinci arriva al Teatro Lendi con “La fabbrica dei Sogni”, spettacolo di cui è autore insieme a Ciro Villano (dal 29 gennaio). Dal 5 febbraio, in scena ci sarà Serena Autieri in “Rosso Napoletano”, scritto e diretto da Vincenzo Incenzo. Marzo si apre con Simone Schettino in “Se tocco il fondo sfondo”, scritto da Schettino e Vincenzo Coppola (dal 4 marzo) e riserva un appuntamento con un pezzo importante della storia teatrale nazionale con Peppe Barra in “Monsignore”, in scena con Patrizio Trampetti, scritto da Peppe Barra e Lamberto Lambertini, che ne cura anche la regia. Dall’1 aprile ci sono Lucio Pierri e Ida Rendano in “La scommessa”, scritto da Lello Marangio insieme a Pierri, a cui è affidata la regia. Chiude il cartellone “Verso il mito Edith Piaf”, con Francesca Marini e Massimo Masiello, in scena dal 15 aprile.

Al Teatro Lendi (via A. Volta 176 strada provinciale Grumo Nevano-Sant’Arpino) 

Biagio Izzo in

Tartassati dalle tasse”
scritto e diretto da Eduardo Tartaglia

Dal 6 all’8 novembre | ore 21

Fuori abbonamento:

9 novembre | ore 21

10 novembre | ore 18